Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Zizì Caterina" di Rosaria Tenore

Elisabetta Blasi
(14.07.2007)

ZIZÌ CATERINA, di ROSARIA TENORE

COM’ERAVAMO

Mariateresa Di Lascia lo aveva fatto con la Lucania; Rosaria Tenore sposta il suo sguardo più a nordest, descrivendoci la saga di un paio di generazioni di due famiglie: i Pescaore e gli Spada, e di vita a Terravecchia, ovverosia il centro storico di un centro urbano in terra di Daunia, a sud di Foggia, nelle Puglie.

Presumibilmente, il topos corrisponde a Cerignola, non foss’altro perché il paese è indicato come la città natale del benemerito sindacalista Cgil Giuseppe Di Vittorio.

Ma l’io narrante preferisce mantenere il riserbo, e sciorinare una narrazione commovente ed elegiaca, drammatica e vivida.
Avvincente come la calura estiva che non dà tregua né allora né oggi, in terra di Puglia.

Il racconto avrebbe infatti ben potuto essere ambientato nel barese, nell’Alto o Basso Salento: sia la sovrastruttura, sia i rapporti di produzione, sia il conseguente articolato sociale, sarebbero stati perfettamente sovrapponibili.

JPEG - 254.1 Kb
Opera di Hiko Yoshitaka

Giovanni Verga ha le sue eredi più vere, sia nella compianta Mariateresa, sia in Rosaria.

E non a caso si tratta di due donne: una donna SI FA racconto, ma nello stesso tempo incarna lo stasimo corale della vox narrante “malavogliesca”.

E neanche a caso si tratta di due donne del Meridione, che sentono le proprie radici come un albero sente la linfa che gli scorre dentro; e si fanno cupa cassa di risonanza che ci trasmette un Ineluttabile che nient’affatto ha smarrito l’Eterno Ritorno nicciano.

Ma Zizì Caterina non è né preda né vittima del cupio dissolvi dei vinti verghiani (quelli maschili soprattutto) perché ad ogni sventura reagisce; alla Storia ineluttabile, che impone regimi, vincitori e sconfitti, lei oppone la propria pervicacia ed il proprio senso dell’onore. Che come unico rovescio della medaglia ebbe l’ingenua adesione di Caterina al fascismo.

Chi invece resta e narra è il Menestrello: Antonietta, la figlia di Caterina, incapace di “reggere il confronto” con la caparbietà materna, eppur coraggiosa anche lei nel riproporsi Amanuense di vite e di percorsi; sia narrativi, sia esistenziali,







EDIZIONE ESAMINATA e BREVI NOTE.

Rosaria Tenore è nata a Cerignola (Foggia) e vive in provincia di Brescia, dove organizza eventi culturali e letterari.

Ha pubblicato alcuni racconti in antologie e riviste letterarie, ed è tra i vincitori della II edizione del concorso letterario Giallomilanese.

Rosaria Tenore “Zizì Caterina”, ExCogita Editrice, Milano, 2007.

Elisabetta Blasi


Gli altri articoli della rubrica Letteratura :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 20 |

30.07.2017