Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Dai torchi della stamperia Tallone di Alpignano: Rubén Darío

Paolo Pianigiani
(14.07.2007)

Rubén Darío

SONATINA

Traduzione e cura di Giuliano Soria, e testo originale.

Un volume in 8° formato album di 80 pagine composte a mano
con i tipi Caslon fusi nelle matrici settecentesche.

Tiratura di alcuni esemplari su carte esotiche,
50 esemplari su Sant’Ilario di Pescia e 140 su carta di Sicilia.

e 85 su carta Magnani di puro cotone.

(2007)

Per una volta, la frase "far stridere i torchi" ha un significato letterale, parlando di libri editi.

E’ con una qualche commozione che vi parlo di Enrico Tallone, fra i pochi al mondo ormai a saper comporre un libro a mano. Figlio d’arte, suo padre era Alberto Tallone, continua la meravigliosa tradizione di famiglia, creando ogni volta veri e propri capolavori: i suoi libri.

In altro momento racconterò la straordinaria avventura di questi macchinari di stampa, che ebbero l’avventura di stampare per esempio l’Ulysses di Joyce nel 1922: sono proprio gli stessi. Basti ora sapere che si trovano in Italia, da noi, ad Alpignano e sono perfettamente funzionanti. E che recentemente hanno dato vita a un libro di primissimo livello, una edizione d’arte della "Sonatina" di Rubén Darío, per la traduzione dell’ispanista Giuliano Soria.

Così Giuliano Soria presenta il testo poetico:

Sonatina, del poeta nicaraguense Rubén Darío, è un classico della poesia latinoamericana e fa parte di Prosas Profanas. Caratteristiche di questa raccol­ta sono il richiamo alla grande poesia simbolista francese e, qua e là, anche alla tradizione barocca spagnola. Le Prosas Profanas sono il risultato più completo della sensibilità pagana e decadente, raffinata e aristocratica di Darío. Sonatina è il paradigma della principessa infelice e svagata. La lirica incarna il bino­mio bellezza formale/disimpegno didascalico ed è uno dei più compiuti esempi di musicalità del Modernismo, il primo grande movimento di innovazione della poesia latinoamericana. Caratteristica peculiare della lirica è infatti la musicalità, qualità ereditata dal Romanticismo, che, nelle prime poesie di Darío, diventa la base che riassume e dà coerenza a tutte le altre tematiche romantiche.

JPEG - 216.7 Kb
Opera di Hiko Yoshitaka

Chi è Rubén Darío?

Rubén Darío (1867-1916)

Poeta nicaraguense, universalmente considerato il padre del modernismo, Rubén Darío fu il cantore della sua Ame­rica, ma anche « pontefice del verso castigliano ». All’al­ba di questo secolo, infatti, nel segno di una cultura cosmopolita, la sua personalità ha determinato un totale rinnovamento della poesia di lingua spagnola, coinvolgen­do figure quali Unamuno, Machado, Jiménez, e non finen­do di perdere la sua funzione catalizzatrice se García Lorca e Neruda negli anni trenta lo definivano « poeta d’America e di Spagna - e, in tempi più recenti, García Márquez seguita a riconoscergli il ruolo di grande vate latinoamericano. Lettura in parte dimenticata e in parte ancora da inaugurare in Italia, quella di Rubén Darío pro­posta in questa antologia si articola in un’ampia scelta di testi, alcuni inediti finora in lingua italiana. Poesia classica e innovatrice ad un tempo, sa imporsi al let­tore non in virtù di un orgiastico naturalismo o di un dionisiaco mitologismo, ma perché «c’è in ciascun verso, oltre l’armonia verbale, una melodia ideale», che ancora oggi ci sorprende con un’emozione antica e verginale.

«C’è nel mio sangue qualche goccia di sangue d’Africa o di indio americano? Può essere, a dispetto delle mie mani di marchese; ma è cosi che vedrete nei miei versi principesse, re, cose imperiali, immagini di paesi lontani o impossibili: che volete farci! detesto la vita e il tempo in cui mi capitò di vivere» (R. Darío).





Da: R. Darío, Poesie, Paberbacks

Sito ufficiale della Stamperia Tallone: http://www.talloneeditore.it/


Gli altri articoli della rubrica Editoria :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |

19.05.2017