Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Piazza Gourmand" di Roberta Schira. Il romanzo culinario

Giancarlo Calciolari
(9.12.2007)

Piazza Gourmand è il primo romanzo di Roberta Schira, che vanta un percorso interessante nell’editoria e nei media dedicati al cibo. Il suo è un romanzo culinario con cucina, proprio nel senso che le ricette che s’incontrano lungo la narrazione sono autentiche e curate in ciascun dettaglio.
In quanto romanzo culinario il libro di Roberta Schira è novità in Italia, dove il cibo, seppur non trascurato, dall’ossobuco di Carlo Emilio Gabba ai banchetti del Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, non diviene mai l’oggetto provocatore del libro. Anche nel senso che non basta parlare di cucina e di cibo per scrivere un romanzo gastronomico.
Nella letteratura angloamericana e in quella francese i romanzi culinari esistono, senza per altro andare oltre il sens of humur anglicano e la finesse d’esprit gallicana. Non parliamo di altri tempi, ovvero di Rabelais. Oppure ne parliamo, ma per indicare che nella tradizione sulla cui scia scrive Roberta Schira c’è più il Satyricon di Petronio, con la forza, per esempio, di un personaggio come Trimalcione, che le prove di scrittura tese per lo più a nobilitare la cucina, ovvero a confermarla non nobile nelle sue origini. Le etimologie fantastiche di “culinaria” sono note.
Il cibo è materia di vita per Roberta Schira. “Cucina” non è un significante istituzionale, appannaggio di alcuni ruoli sociali piuttosto che di altri: è una questione di vita radicale. Il cibo è in posizione di oggetto della pulsione. Oggetto causa du desiderio, scrive Jacques Lacan. E anche oggetto causa di godimento e causa di verità, aggiunge Armando Verdiglione. Senza più la presunzione nobilitante di Anthelme Brillat-Savarin, non priva di “errori tecnici” da leggere, tra i quali la credenza di poter dire la verità. “Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei”. Questo è uno dei suoi celebri aforismi. Ma non seguiamo il deragliamento dell’ontologia del cibo che diviene antropologia con Feuerbach, che giunge a scrivere: “L’uomo è ciò che mangia”. Il gesto dell’artista, in questo caso della scrittrice della cosa culinaria, è: “Dico che cosa mangiamo”, nell’infinito della vita. Non “dico che cosa mangiate voi” per far passare quanto “noi” siamo differenti. Il narcisismo delle piccole differenze, a tirare la sua corda pazza, arriva sino al razzismo.

Dicendo che cosa mangiamo, Roberta Schira parla dell’umanità com’è e non come dovrebbe essere. L’autrice diffida di chi parla di cibo e non sa cucinare, proprio perché non c’è nessuna idealità della cucina e del cibo, mentre questa idealità mostra la sua altra faccia mortifera nella mentalità di Trimalcione sino al banchetto funebre di Grimod de la Reynière (il Paolo della “gastronomia”, termine coniato da un magistrato, ovviamente), e al suo aggiornamento nella eat-art, come nel caso del banchetto funebre organizzato da Daniel Spoerri nei primi anni Settanta.
Non il cibo come denominatore comune, che riduce ogni umano a bipede tubo gastrico munito di foro d’entrata e foro d’uscita, prossimo alla comicità (l’altra faccia è il tragico) della “livella” di Totò, ma come assoluto di ciascuna vita.
Piazza Gourmand è l’apertura, non il mondo chiuso visto dal buco della serratura (della cucina). C’è il grande chef che è passato dal cielo stellato (di conio micheliniano) alla terra nuda dei barboni, la cui partita di vita non è chiusa proprio per il suo interesse per la cucina. C’è la madre che copre così tanto d’amore e di cibo il figlio celibe a vita da offrirgli la tentazione di trasformare il cibo da rimedio in veleno. C’è una coppia transitoria di perversi sociali che stanno al gioco di una serie di appuntamenti erotico-culinari, che se esistessero in quanto tali, dovrebbero confermarli per quello che sono, nel senso di quale casella occupano nell’alveare umano. La scala sociale, che Leopardi chiama la “social catena”.
Lo statuto del cuoco non è solo quello del combinatore e trasformatore artistico d’ingredienti, ma anche regista, capitano, scrittore, architetto Sav. E in tal senso Piazza Gourmand è una ricetta, un rebus, un dispositivo che mira all’approdo, al piacere della vita: Roberta Schira è regista del romanzo, che convoca i personaggi attorno alla tavola imbandita, come talvolta accade, vivendo.
È la pax culinaria! L’auspicio di Tallyerand, d’avere per la sua tavola diplomatica un buon cuoco per concludere un armistizio, diviene l’opportunità che la vita offre a ciascuno.
Il romanzo di Roberta Schira è una millefoglie, ovvero un palinsesto che si può leggere nei suoi infiniti mille strati. Per il modo letterario del romanzo culinario, per la storia dei personaggi, per le vicende di uno in particolare, per le ricette, per le annotazioni sul cibo, per come ciascun caso risalta per l’intervento del cibo, per le implicazioni di sociologia del cibo, psicologia del cibo, antropologia del cibo... per accennare solo alle cose più interessanti e evidenti. Ma anche per dettagli infinitesimali eppure ricchissimi, come la conclusiva lingua ironica, che nota come a tavola “tutti” siano: “così diversi e così uguali”.
La precisione delle ricette, della ricerca culinaria, dei “segreti” dei cuochi, che gentilmente Roberta Schira mette a disposizione dei suoi lettori è un motivo di lettura decisivo per i gourmet e i gourmand.
Affiggendo nel titolo la parola francese “gourmand”, come qualcosa di acquisito nella lingua italiana (per anni c’è stato un eccellente ristorante palermitano “Gourmand’s”), Roberta Schira contribuisce a dissipare il fraintendimento a cui si è prestato “gourmand” (1354) che proviene dal termine “gola” di gourmander (1330), mangiare avidamente, che dà il peccato di gola, gourmandise (1400), e significava ingordo, mentre il gourmet era valletto incaricato di portar su i vini, e li distingueva con la gola, gorge, dalla radice gourm.
Già per Colette il gourmet, al quale viene associato per estensione, gourmand, vuole le meilleur que meilleur. Per Roberta Schira gourmand prende per intensione gourmet, così il grande mangiatore (significazione presa solo nel XVIII secolo) non è più riconducibile all’avido, all’ingordo, al ghiottone, e neanche alla sua traduzione più corrente di “buona forchetta” e si integra con il gourmet, il buongustaio, che è diventato anche troppo fine come fin gourmet, così che gourmand non è più un oggetto di discussione etimologica dal XVI secolo: è l’approdo al piacere della tavola. E dirla buona è un pleonasmo.


Gli altri articoli della rubrica Cucina :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |

19.05.2017