Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Testimone inconsapevole" di Gianrico Carofiglio

Monica Cito
(10.02.2008)

LA VITA DI UN AVVOCATO

Un testo scorrevole e ben strutturato, che coniuga la vita privata e professionale di un legale italiano.
Il nostro Perry Mason lotta per i propri sentimenti e lotta anche per la qualificazione, o meglio riqualificazione, della “sua” funzione difensiva.
C’è una struttura sociale e giudiziaria, c’è una città e un caso difficile da risolvere, c’è la vita privata del valente ma demoralizzato avvocato.

Tutti questi ingredienti, sapientemente dosati e collocati su uno sfondo urbano tutto meridionale, rendono il libro compatto, istruttivo, emozionante. Ancora più emozionante risulta a chi, giovane come la scrivente, ha studiato giurisprudenza nella città-scenario del dramma umano e professionale dell’io narrante; per chi, come la scrivente, possiede un inedito ambientato in quella Bari.

Un avvocato penalista di successo dovrà lottare contro i propri fantasmi, ed i fantasmi che vorrebbero condannare un povero innocente per omicidio.
Se a questo si aggiunge, sempre non relegando in secondo piano l’ambientazione, il dato socialmente non trascurabile che il povero imputato è un senegalese, il dramma personale e sociale risulta più pregnante, carico dell’umanità dovuta ad una questione che, da etico-sociale, diviene giuridica.

JPEG - 179 Kb
Opera di Santina Pellizzari

Due e più mondi sono messi in risalto, e mai configgono in un palese scontro. Il dato di fatto è posto su piani paralleli che convergono soltanto innanzi alla Corte. È nel luogo della giustizia, innanzi ad una Corte d’Assise che il legale-io narrante dovrà combattere appunto per la giustizia, per la vita di un uomo ingiustamente accusato di omicidio.

Se si tiene conto della realtà storica attualissima dell’immigrazione, che vede da anni interessata l’Italia e città del meridione della penisola, quali Bari, il romanzo acquista una valenza sorprendentemente attuale.
Se, poi, si considera che l’autore è un “addetto ai lavori”, un magistrato, il carattere introspettivo svetta ed insieme esalta al “negativo” le condizioni umane tratteggiate con competenza d’osservazione e garbatezza d’espressione.
La penna è lucida, attenta, cadenzata. Le storie, non solo l’apparente di trama, sono tutte umane, tutte degne, in un coro di casi, non soltanto giuridici, da mozzare il fiato; in un’analisi complessa eppur necessaria.
Il dottor Carrassi, aiuto primario del pronto soccorso, aveva fatto morire una ragazza di ventuno anni, con la peritonite, dicendo che erano dolori mestruali.
Il suo avvocato – io – lo aveva fatto assolvere senza fargli perdere nemmeno un giorno di servizio e una lira di stipendio. Non era stato un processo difficile. Il pubblico ministero era un idiota e l’avvocato di parte civile un analfabeta terminale.
Quando fu assolto, Carrassi mi abbracciò. Aveva l’alito pesante, era accaldato e pensava che fosse stata fatta giustizia (pag.13);

Per quanto mi ricordavo doveva essere un pomeriggio abbastanza tranquillo: un solo appuntamento. Con la signora Cassano, che l’indomani sarebbe stata processata per maltrattamenti al marito (pag. 41);

Dopo l’incontro con Cervellati andai in udienza e patteggiai per una signora accusata di bancarotta fraudolenta (pag. 66);

Chiamai un mio cliente con una certa reputazione nella malavita di Bari e provincia. […] Il mio cliente disse che avevo ragione. Disse anche che quelli mi dovevano riparare la macchina e dare le ruote nuove. Dissi che la macchina la facevo riparare io e che le ruote non le volevo. Pensai che non volevo neanche una imputazione di ricettazione, visto che le ruote non sarebbero certo andati a comperarle da un rivenditore autorizzato. Ma questo non lo dissi. (pagg. 99- 100)

In questo, ed anche in un più ampio campo, nel quale vanno considerate la depressione e la separazione dell’io narrante dalla moglie, si snoda il dramma processuale di un innocente.
Sarà per quest’innocente che l’avvocato riprenderà a lavorare seriamente, che ritroverà l’equilibrio.

Un collega massone; la critica dello stesso al sistema accusatorio; una chicca di saggezza divulgativa su alcuni istituti processualistici; una Bari sfumata e che, per chi l’ha vissuta negli anni universitari, risulta riconoscibilissima (e non soltanto perché esplicitamente citata); i caratteri della gente di legge; la critica al formalismo ed alla manualistica forense; il bisogno d’amore di un uomo; il bisogno di libertà del suo cliente straniero e per questo considerato socialmente diverso (ed in termine giuridico: prevenuto), fanno di questo libro un romanzo denso di prospettazioni, input, capacità.
Un romanzo secco come certe realtà, un romanzo neo-verista, più che un thriller vero e proprio. E, se abbiamo il “processo all’americana”, ma non troppo, abbiamo romanzi di genere che non sono affatto all’americana, ma “tutti” del sud del mondo. Bari si cosmopolizza, e lo fa attraverso le singole individualità che la popolano e, trascinando con sé il loro singolo essere meridionali, la vivono.

Il lieto fine è alle porte, ma non posso svelarvi la reale conclusione, non posso dirvi chi è il testimone inconsapevole, né addentrarmi troppo in una gnosis pluristrutturata: è un romanzo, questo, che non si racconta; si legge.





EDIZIONE ESAMINATA e BREVI NOTE
Gianrico Carofiglio (Bari, 1961), magistrato e romanziere italiano.
L’opera che qui si commenta è romanzo d’esordio dell’autore

Gianrico Carofiglio “Testimone inconsapevole”, Edizioni Mondolibri, Milano, 2002, su licenza Sellerio Editore.

Recensione già pubblicata su www.lankelot.com

Monica Cito è nata a Telese Terme (BN) nel 1972. Risiede a Ceglie Messapica (BR). Avvocato, si è laureata presso l’Università degli Studi di Bari, discutendo una tesi sulla pedofilia. Membro del direttivo del circolo “Pinuccio Tatarella” di Alleanza Nazionale a Ceglie Messapica, ivi riveste la qualifica di Responsabile Cultura. Ha pubblicato il romanzo “Venere, io t’amerò” per i tipi della Giulio Perrone editore (Roma, 2005). Sue liriche sono presenti in qualificate antologie. Due e-books (l’antologia poetica “Dea della caccia” e la sua tesi di laurea “Le condotte pedofile”) sono pubblicati su: www.kultvirtualpress.com e scaricabili gratuitamente dall’apposita sezione. Ha prefato sillogi poetiche e romanzi. Collabora come critica letteraria alla rivista “Il Cavallo di Cavalcanti” (Azimut Editore, Roma), nonché su varie riviste on line (www.transfinito.net, www.kultunderground.org e www.kultvirtualpress.com ; www.lucidamente.com ) e cartacee (come il trimestrale “Sud-Est”, dove si occupa di editoria indipendente e cura il premio letterario “Storie a Mezzogiorno”). Non si è sottratta ad interventi di critica letteraria anche su giornali “dell’opposizione”.

Suoi interventi di saggistica giuridica si trovano su www.diritto.it


Gli altri articoli della rubrica Letteratura :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 20 |

19.05.2017