Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Capovolta". Isanna Generali

Lara-Vinca Masini
(12.09.2006)

Nel chiostro di villa Vogel si sono già viste presenze di artisti contemporanei, capaci di sollecitare forti e divaricate impressioni, e che, comunque, hanno contribuito ad avvicinare il pubblico alla lettura critica del nostro tempo che l’arte propone sempre, in modi diversi a seconda delle linee di ricerca, ma tuttavia capaci di farci controllare "il polso" del nostro vissuto.

Mi limito a citare la bella installazione di Gilberto Zorio, che, nel suo processo creativo sembra sempre voler ricercare un suo personalissimo "oro filosofale", espresso nel fare emergere l’energia dalla materia, capace di trasformarla; e lo fa a mezzo di tutti i materiali, dai naturali a quelli tecnologici, esprimendone la vitalità creativa e poetica. E, più recente, il lavoro di NEA, un’artista olandese, che, con l’uso di mezzi diversi, dal velo sottile disposto a clessidra nel vuoto del chiostro, alla luce, al movimento leggero di un video proiettato sopra, faceva emergere una sensibilità intensa, dolcissima, un’aspirazione ad un infinito metafisico. Due modi diversi e complementari di esprimere la realtà.

JPEG - 104.1 Kb
Isanna Generali, "Capovolta"


L’installazione proposta quest’anno, di Isanna Generali, un grande materasso in forma di croce "capovolta" (Capovolta è anche il titolo intrigante e conflittuale del lavoro), che scende dall’alto, in diagonale, al centro del chiostro, parla un linguaggio diverso, esprime un dolore sordo, una rabbia acuita dall’impotenza, riuscendo a raggiungere una simbolicità cupa e violenta, che, nella trasfigurazione artistica, si travasa in poesia. Il riferimento di questo lavoro, già presentato, in termini variati, nel 2000, alla manifestazione fiorentina "Contro la pena di morte", è stato il ritrovamento del corpo di una prostituta nigeriana in una discarica, sopra un materasso sporco.

L’arte si fa, qui, "denuncia", e, come spesso ripeto, "specchio nero della realtà". Isanna Generali lavora spesso su questo versante. E lo fa con una forza, una passione, che non troviamo spesso nel "fare arte" di una donna.
Anche se è pur vero che la sua attenzione si rivolge spesso alla condizione femminile, con riferimento, peraltro, all’essere donna come "persona".

Scriveva Virginia Wolf negli anni Venti: "Ho i sentimenti di una donna, ma solo il linguaggio degli uomini". Credo che questo non preoccupi affatto Isanna Generali, che sta sempre, inequivocabilmente, dentro il linguaggio dell’arte, quali che siano i temi che affronta, dal suo cogliere i particolari del corpo (i piedi, simbolo del cammino, le mani, come quelle, nel gesto umanissimo di offerta, della Maddalena Cozzarelli, riscoperta, restaurata, al Museo delle Pietre dure di Firenze); ma anche grandi, lunghissime vesti femminili, con maniche che arrivano a terra, fantasmi senza tempo. E strumenti legati alla vita e alla sua difficoltà, grandi tavoli sghembi (L’apparecchiata - "Chi m’ha riempito il piatto di sassi? M’hanno / riempito il piatto di sassi".). E strumenti propri della cultura materiale, duri, scabri, intenzionalmente deformati, con un tocco di sarcastica ironia. Ma anche oggetti della memoria, come in quelli che chiama Teatrini, successioni scalari di pellicole sul volto della madre...

La materia occupa molto spazio della sua esperienza. Essa cerca di scoprirne le valenze fisiche e i suoi significati metaforici. Come nella vita reale combina cose e materiali diversi, giocando sulla memoria collettiva e su quella legata alle sensazioni individuali. Secondo la sua concezione di arte questa consiste nel creare o cambiare forma, perché ogni cambiamento "consapevole" e libero della natura caratteristica di una cosa è attività artistica. Il suo appare, sempre, come una sua necessità di travasare nell’operazione artistica il senso della vita, facendo prevalere, comunque, e a costo di grande sofferenza e sacrificio, la sua immersione totale nel concetto di vita come arte.


Dal catalogo della mostra
“capovolta isanna generali”,
a cura di Lara-Vinca Masini,
tenutasi nel chiostro di Villa Vogel, a Firenze,
dal 29 giugno al 20 agosto 2006.


Gli altri articoli della rubrica Arte :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

30.07.2017