Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Dove va l’arte

Gigliola Tallone
(5.09.2006)

Si dice che gli artisti sappiano captare il proprio tempo prima dei comuni mortali, rappresentarlo, stigmatizzarlo. Quasi sempre stigmatizzarlo. Quand’anche si prendano in considerazione gli artisti che ebbero gloria e successo nelle corti. Nella penombra tremenda del Rembrand, nello specchio delle Meninas di Velazquez dove ogni cosa ritorna all’artista che vede e giudica, nei corpi tanto nudi da sembrar scorticati di Michelangelo, nei lividi ondeggiamenti dei corpi di luce che si slegano dalla carne, di El Greco, dipinti sotto i baffi dell’Inquisizione.

JPEG - 93.9 Kb
Paolo Pianigiani, "Urlo capovolto", elaborazione al computer


Quasi sempre l’arte è contro, non per mezzo di idee, ma di più forti emozioni, fatte per gli occhi che sanno vedere. Nei colori squillanti e allegri di Bosch c’è l’infamia e la morte, l’ironia feroce della voracità della Chiesa e la stupidità degli uomini. Non deve spiegarsi un artista per arrivare ad essere capito, nell’arte non si capisce, si percepisce, come nel sogno l’immagine porta il suo messaggio simbolico alla luce del giorno.

E oggi?
Constatiamo la quasi totale sparizione della natura. L’arte si fa astratta, perchè non ci sentiamo più parte di un tutto o per l’orgoglio di chi quel tutto ha capito e piegato? Oppure perché ci vergognamo del risultato? Se ci siamo accorti della nuova era globale, vediamo se si sono accorti gli artisti. Per esser contro, l’arte dovrebbe essere ferocemente individualista, ma è vero che con la globalizzazione chi è originale viene espulso, dai dittatori del gusto e dai portafogli.

Più che stigmatizzare la nostra epoca come era globale, dovremmo vedercela con la sua creatura nuovissima: l’era preventiva. Concetto ultrametafisico, visto che la metafisica è in disuso. Si fanno le guerre preventive tra nazioni e, dato che le idee geniali si copiano, avremo guerre preventive dei condomini, dei parenti, delle scuole e dei supermercati; e non si stupisca chi, in una tranquilla passeggiata solitaria, ricevesse due sonori schiaffoni preventivi: non si sa mai quali pensieri gli girino per la testa. Squadre del buon gusto bloccheranno anche gli artisti preventivamente, e l’artista ribelle sarà ridotto ad occultarsi a meditare sulle fonti d’ispirazione, cosa alquanto ardua. Non si prende ad esempio la natura e nemmeno la persona.

La gente non ama riconoscersi, teme un ritratto, semmai accetta una foto ritoccata. La gente ama assomigliare a modelli patinati, a modelli che assomigliano ad altri perché non vogliono essere da meno. Così tutti finiscono per assomigliarsi. Tanto di cappelo al geniale Andy Warhol che ha capito l’andazzo negli anni ’60. L’immagine copiata, copiata e copiata, assomiglia a se stessa, liberata da ogni personalità. Oggi che farebbe un altro Andy? Le cose si sono evolute, si arriva a modificare i connotati del volto per assomigliare a un ideale di bellezza, che piaccia a molti.

Vuole l’artista ripercorrere l’ansia dei romantici, disvelando una natura sommersa nella profondità dell’essere? La nostra epoca ci ha liberato degli ultimi tabù: l’anima non esiste, non esiste l’inconscio. Non c’è cosa che non si possa rimediare con un Valium, che non si possa distrarre col Viagra. Abbiamo liberato il corpo di ogni inutile pudore, la puttana si è evoluta.
Non più puttana modella di Tiziano, la bionda colta e raffinata, la Maddalena di Tiziano, ispiratrice di pittori e poeti, che pagava il disprezzo dell’ipocrita moralità del suo tempo, a volte anche con la vita.

La puttana d’oggi, che sia attrice o ballerina o presentatrice o giornalista o scrittrice o poetessa o pittrice o politica - ma all’altezza sono i puttani uomini - è sponsorizzata: basta che presti non solo il corpo, anche il cervello previamente vuotato, tanto deve solo ripetere una lezione. Che fa l’artista? Aderisce, contesta, stigmatizza? Dipinge i fiorellini?
Cerebralizza, diventa incomprensibile a se stesso, e non c’è più un urlo munchano che gli esca dalla gola.

Marbella, Agosto 2006

Gigliola Tallone, vive a Milano e a Marbella (Spagna) ed è curatrice dell’archivio Tallone, autrice del catalogo ragionato di Guido Tallone, Skira’, 1998 e della monografia su Cesare Tallone, Electa 2005.
Sito dell’Archivio Tallone


Gli altri articoli della rubrica Arte :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

6.10.2016