Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

La memoria artistica in atto di una terra antica

L’arte di Nicola Tripodi

Christiane Apprieux

Nicola Tripodi restituisce nel moderno l’antico della Calabria. I simboli del mare, della terra, delle occasioni di celebrazione della vita sorgono a una nuova testimonianza con l’arte delle terre.

(18.07.2006)

Terracotte moderne e antiche. L’ossimoro ammette la contraddizione, e la paradossalità svanisce quando si intende la ragione del moderno e la ragione dell’antico. Nicola Tripodi con la sua arte ceramica riesce a fare questa combinazione, giungendo a una qualità che non si può più spezzettare geometricamente per trovarne la chiave di produzione.

Terracotte moderne per l’integrazione delle tecniche, per l’immagine che va al di là dell’iconolatria e dell’iconoclastia.
Terracotte antiche perché la tradizione non è negata, come nella vulgata postmoderna: quindi terracotte che non si lasciano incasellare nelle celle del tradizionalismo e dell’antitradizionalismo.
Arte tra invenzione e tradizione quella di Nicola Tripodi.

Da ciascuna opera risalta un’idea della Calabria. Quale Calabria? Quella della terra del mito, della terra della cultura. Il percorso di Nicola Tripodi nei meandri della storia della sua terra segue talvolta tracce trascurate e ignote, nascoste tra le pieghe della cultura che solo ironicamente possiamo chiamare minore, quella della gente che la vive e la celebra ogni giorno.

Nella narrazione artistica di Nicola Tripodi le figure sono quelle degli oggetti di “ieri”, quelli del tempo del mito, quando il vuoto della riproducibilità tecnica non li aveva ancora intaccati.

L’argilla, la terra, e l’arte, la terra-cotta, la tecnica dell’ingobbio, ossia della colorazione dell’argilla prima della cottura: modi per affermare l’originario sino alla restituzione. Ciò che resta è quello che conta per davvero. Immagini del mito, infinitamente distanti dalle forzature della cronaca.

Ecco, Nicola Tripodi restituisce nel moderno l’antico della Calabria. I simboli del mare, della terra, delle occasioni di celebrazione della vita sorgono a una nuova testimonianza con l’arte delle terre.

Nicola Tripodi. Nato a Reggio Calabria nel 1955, dove vive e svolge l’attività di artista-artigiano. Ha partecipato a mostre personali e collettive. Opera presso il laboratorio “Arghillà” a Reggio Calabria, in Via Sbarre Centrali, 249.
www.arghilla.it - nicolatripodi@arghilla.it



Christiane Apprieux, codirettore di "Transfinito"


Gli altri articoli della rubrica Arte :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

30.07.2017