Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Percorsi" di Claudio Olivieri e di Claudio Verna a Firenze

(20.02.2006)

Con le due mostre personali in contemporanea di Claudio Olivieri e di Claudio Verna, la Galleria Varart continua la riproposizione di artisti che appartennero a quella corrente degli anni ’70, denominata Pittura Pittura o Pittura Analitica.
Certamente Olivieri e Verna possono essere inclusi - nell’insieme di quel movimento che conteneva posizioni assai diverse tra di loro - tra quelli più “caldi” rispetto a chi praticava una rigida analisi degli elementi linguistici del dipingere. Entrambi non hanno mai praticato la monocromia assoluta, i colori in loro formano vere e proprie campiture o velature e si moltiplicano nelle differenze e nelle sovrapposizioni, non è estranea ad entrambi una sorta di disegno.
Certamente più “fredde” sono le opere degli anni ’70, presenti in mostra: queste si offrono quasi monocrome nei toni scuri in Olivieri, e con una “memoria”, ai lati, di un diverso colore o con l’evidenziazione di elementi geometrici in Verna. Nello sviluppo della loro pittura nel corso di più di un trentennio, il “milanese” Olivieri elabora i colori sulla tela fino a raggiungere evocazioni figurali, cioè la composizione, le masse e le successive velature di colore si articolano in immagini complesse in cui, appunto, molti vedono una sorta di recupero della figura; mentre il “romano” Verna, dopo una fase quasi “naturalistica” dovuta alla familiarità visiva con la campagna umbra, nella quale ha per anni soggiornato, sembra riallacciarsi, pur con grandi differenze, al suo periodo iniziale, poiché la sua ricca ed elaborata pittura - ritornata acrilica - tende ad una unitarietà pittorica anche senza esser monocroma.
La mostra presenterà più di dieci quadri di ciascun artista, anche di grande formato, e sarà accompagnata da una pubblicazione con un testo di Giorgio Bonomi, uno dei più attivi interpreti di quel movimento, e direttore della Fondazione Zappettini che dedica la sua attività proprio a questa corrente artistica.

Periodo: 27 Gennaio - 20 Aprile 2006
Orario: 10.00 12.30 - 16.00 19.30
Chiuso lunedì e festivi
Galleria VarArt
Via dell’Oriuolo n. 47/49 r - 50122 Firenze
Tel. 055 284265 Fax 055 213827
e-mail: varart@tin.it

Testo di Giorgio Bonomi


Gli altri articoli della rubrica Eventi :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |

30.07.2017