Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Alisè, Scandicci (Firenze), mostra collettiva a partire dal 10 giugno 2005

Colore e luce per la vita

Lara-Vinca Masini

Il lavoro artistico si può presentare, così, direttamente, nella sua funzione primaria, quella di una diversa e più libera comunicazione.
Artisti presenti: Claudia Hendel, Andrea Lemmi, Paolo Pianigiani, Roberto Pupi, Stefano Turrini.

(9.07.2005)

Alisè, Scandicci (Firenze), a partire dal 10 giugno 2005.
www.ali-se.it

Ho trovato interessante il fatto che Mirella Angotti mi abbia chiesto, più di un anno fa, di coinvolgere alcuni artisti legati al territorio toscano perché inserissero, a turno, alcuni loro lavori all’ interno di Alisè, il suo spazio operativo, per renderlo più piacevole e più familiare.
Sarebbe stato, allo stesso tempo, un mezzo per allargare anche l’approccio alle arti visive a settori diversi da quelli istituzionali e mercantili delle gallerie d’arte.
Si è trattato, infatti, di entrare in un luogo nel quale si prestano cure a persone sofferenti che, certo, non sempre sono disponibili a distrarsi dalle proprie preoccupazioni.
Ma siamo convinti che, comunque, un ambiente reso più accogliente e più luminoso dalla presenza di opere d’arte predispone, anche inconsciamente e inconsapevolmente, a distogliere l’attenzione dai problemi personali e ad aprirsi ad una più serena consapevolezza, in particolare quando i lavori siano soprattutto ricerche sul colore e sulla luce (in questo senso sono state scelte quasi tutte le opere presentate).
E penso che anche per gli artisti che hanno aderito al progetto sia stata un’esperienza interessante, perché hanno l’opportunità di avvicinarsi più direttamente ad un mondo diverso da quello degli ."addetti ai lavori" e ad una complessità umana che non è solo quella personale e familiare.
Il lavoro artistico si può presentare, così, direttamente, nella sua funzione primaria, quella di una diversa e più libera comunicazione.

Artisti presenti: Claudia Hendel, Andrea Lemmi, Paolo Pianigiani, Roberto Pupi, Stefano Turrini.

JPEG - 190.4 Kb
Andrea Lemmi, "Giardino", particolare, tempera su compensato, 4 pz., cm 63x250
JPEG - 150.7 Kb
Claudia Hendel, "Verde azzurro", acrilico su tela, cm 100x100
JPEG - 186.4 Kb
Paolo Pianigiani, "Labirinto armonico", tecnica mista, cm 60x50
JPEG - 177.6 Kb
Roberto Pupi, "Flexo", fotografia su tela montata su telaio sagomato, cm 120x80
JPEG - 183.2 Kb
Stefano Turrini, "Frammenti", acrilici e tempere su carta intelata

La responsabile del Centro Alisè, Mirella Angotti, ha così introdotto l’evento.

Un “grande” ha detto: “La cosa più bella che possiamo sperimentare è il mistero. E’ l’emozione fondamentale che accompagna la nascita di ogni arte e di ogni scienza antiche. Colui che non la conosce e non sa più meravigliarsi o stupirsi è come morto, è come una candela che è stata smorzata”.
Noi ci stupiamo tutte le volte che un paziente posa lo sguardo su un quadro proprio nel momento in cui il trattamento è più doloroso; oppure quando il paziente, in una pausa tra un esercizio e un altro, volge la testa verso un’opera ed inconsapevolmente sorride.
Sento il mio cuore battere più forte per una gioia improvvisa quando mi capita di ascoltare fisioterapisti e pazienti chiacchierare tra loro di forme e colori, distogliendo per un po’ i loro pensieri gli uni dal lavoro, gli altri dai propri mali.
L’incontro, quando è autentico, è emozione perché ci espone al mistero e l’emozione che nasce da un incontro autentico ha la forza di abbattere barriere e chiusure, di vincere la paura aiutandoci ad accogliere il nuovo.
Lara Vinca Masini ci ha incoraggiato in questo e gli artisti si sono come mescolati al piccolo popolo di Alisé trasformandosi con la loro arte in terapeuti.

Lara-Vinca Masini, critico d’arte. Ha ottenuto il Premio dei Lincei per la critica 1986.


Gli altri articoli della rubrica Pittura :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

19.05.2017