Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

A ciascuno la sua immunità, senza più minacce

Io sono immune dall’aids

Giancarlo Calciolari

La spesa annua fra i sette e gli otto miliardi di dollari per la lotta contro l’aids proposta dal Segretario generale dell’Onu è meglio investirla nell’edificazione di case, di ospedali, di scuole, fabbriche e laboratori nei paesi dove l’aids spesso copre la morte per malnutrizione e per fame.

(5.12.2001)

La sindrome dell’aids è riassumibile nella formula "nessuno è immune", poiché se ciascuno è sotto la minaccia del male il dispositivo immunitario sarebbe già deficitario.

In un dispaccio planetario il Segretario generale dell’Onu, Kofi Annan, ha detto che nessun continente, nessuna società, nessun gruppo sociale è immune dalla minaccia dell’aids. Vengono risparmiate le galassie, ma la Terra è minacciata. Caino protegge Abele. Ma da chi?

Il sapere della nomenclatura è il sapere convenzionale, il sapere acefalo, senza cervello intellettuale. E’ fatto della stessa pasta del sapere che il Santo Offizio ha utilizzato per eliminare Giordano Bruno.

JPEG - 18.7 Kb
Hiko Yoshitaka, "Il nome dell’altro", 2000, pastelli a olio su carta, cm 23x30

Il sapere delle caste, delle lobby, dei clan, delle corporazioni, degli ordini, delle mafie è invisibile e serve solo per il monopolio delle nascite e delle morti, per il controllo totale degli umani, dei sogni, dell’aria e dello stracielo. Il monopolio dell’immunità è un aspetto del sistema di padroneggiamento degli umani, che dovrebbero risultare tutti protetti e assistiti: potenzialmente deficienti.

La verità quale effetto dell’itinerario di artisti, di scienziati, di scrittori sfugge a ogni nomeclatura, che sopravvive poi delle loro briciole.

Non è ancora provato, e non lo sarà mai, che l’unica risposta all’aids, ma anche al cancro o all’infarto, sia esclusivamente medica. Certamente l’ipotesi medico-farmacologica alimenta il business, che è quasi sempre "affare" di morte e non di vita.

Le altre ipotesi sull’aids, in particolare quella non virale di Peter Düsberg, pongono altri modi di intervento, come un nuovo dispositivo alimentare per molti paesi dell’Africa, come un’altra risposta ai problemi di trasfusione per gli emofilici, o come vivere senza più droga.

Come si mantiene il dispositivo immunitario? Come diminuisce e poi si perde?
Hanno più risposte i teologi, i cifranti, i dissidenti, i poeti.

Io sono immune dall’aids, come altri miliardi di persone. È una constatazione, e nel mio caso di vita è anche una formulazione teorica.

La spesa annua fra i sette e gli otto miliardi di dollari per la lotta contro l’aids proposta dal Segretario generale dell’Onu è meglio investirla nell’edificazione di case, di ospedali, di scuole, fabbriche e laboratori nei paesi dove l’aids spesso copre la morte per malnutrizione e per fame.

Nello stesso modo i miliardi di dollari spesi contro la droga andrebbero investiti nella cultura della vita senza più la droga.

E così i miliardi di dollari della guerra andrebbero investiti nell’arte, nella cultura e nella scienza di vita senza più pedaggi da pagare al discorso della guerra.

Questa è la battaglia intellettuale e poetica. Immunitaria. A ciascuno la sua immunità, senza più minacce.

Giancarlo Calciolari, direttore di "Transfinito".


Gli altri articoli della rubrica Scienza :












| 1 | 2 | 3 |

6.10.2016