Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

La struttura del malinteso porta all’instaurazione di un’altra società

Non c’è più mafia

Giancarlo Calciolari

Il padre viene ucciso pensando di spartirsi le donne e i soldi e il risultato è curioso: nasce il totem e il tabù. Nasce la tavola delle prescrizioni e la tavola delle proibizioni.

(1.10.2001)

Jacques Lacan a Roma, nel 1974:
La mafia? je ne sait pas ce que c’est; la société est mafia!*

Il dibattito politico e sociologico sulla mafia, prendendo l’immagine per la cosa si rappresenta la mafia come mafia dell’Altro e non arriva a scorgere l’ordine del suo discorso. E non in quanto l’itinerario sia un invisibile da rendere visibile, quanto una elaborazione da intraprendere.

I più importanti quesiti si riassumono così: la mafia ha bisogno dello stato? La mafia è uno stato nello stato, una istituzione parallela? La mafia vuole sostituirsi allo stato, instaurando un medioevo mafioso? C’è una collusione tra la mafia e lo stato? C’è una tendenza dello stato a farsi mafia e una tendenza della mafia a farsi stato? In ogni caso chi pone la questione sulla natura della mafia s’interroga sulla mafia dell’altro: è assolutamente esclusa l’ipotesi che il modello mafioso sia indossato anche dall’interrogante.

JPEG - 18.5 Kb
Hiko Yoshitaka, "Blasfemia algebrica", 2000, pastelli a olio su tela, cm 23 x 30

Il modello di rappresentazione della mafia come esterna all’atto di parola, come mafia sostanziale, visibile, punibile, impedisce di analizzare la sua struttura fantastica. Ci sono elementi noti dell’ideologia mafiosa, ma ritenuti immobili, assiomatici, non lasciano leggere il modo in cui si crea la mafia. E il dogma delle immagini, è percepito allucinatoriamente come assurdo: preso il capo della mafia si stenta a riconoscerlo, mentre il capo del governo è più facile da riconoscere come boss dei boss. Infatti la mafia non ha né capo né coda, pur rimanendo un animale fantastico, arrotolato sotto la pelle della terra ne è il suo parassita, il demone che tiene tutto sotto controllo.

Un controllo assoluto, secondo il desiderio della sua dottrina. Un desiderio pensato come padroneggiamento della parola. La rapppresentazione della mafia è lo specchio deforme, irriconoscibile, capovolto della sua rappresentazione purificata: l’ascesa sociale nella forma di partito, partito-stato, stato. La mafia di stato. Lo stato.

Le cose vanno e vengono nei due sensi: lo "denuncia" Guy Debord nella sua dottrina del farsi stato della mafia e del farsi mafia dello stato, perché è lo stesso albero genealogico del sangue e del suo patto che li mantiene. Corre la stessa linfa del circuito corruzione purificazione. Ne conseguono certe percezioni con un "nocciolo di verità": talvolta lo stato è corrotto, tal’altra è la mafia a essere rispettabile... La mafia, resto diurno del discorso occidentale, non ha bisogno d’essere esportata.

Per questo la mafia è un fenomeno del quale l’Italia non ha il monopolio. Spunta in Russia e altrove senza esservi trasportata. Il proto-tipo è dato dal discorso della festa dell’occidente, dallo spaccio della sostanza perpetrato dalle bande al potere e dalle bande del contropotere. Per questo il traffico della droga non ha frontiere. Altro dubbio: c’è stata connivenza tra mafia e terrorismo? Si tratta di una variante rappresentativa della stessa logica della sostanza: lo stesso debolismo che assalta il cielo dei forti, che si fa forte, rivoluzionario per prendere il posto dell’ultimo forte, l’ultimo tiranno da abbattere...

Quindi la questione non verte attorno alla rappresentazione della banda, del gruppo, della schiera, della setta segreta, ma sul come si crea il gruppo virtuale che li conia. La prima elaborazione non sostanzialistica, la prima elaborazione che comincia a porre la differenza tra sostanza e materia è quella di Freud. La prima elaborazione è in Totem e tabù.

Freud chiama il suo assioma: mito scientifico del padre. Inventa dove gli altri vogliono scoprire. Inumana la sua scienza, per parodiare le cosiddette scienze umane che vogliono scoprire: per meglio dire la verità, ossia per barare, per dire una parola ultima. Si tratta di leggere Freud nell’infinito attuale - non è questione di "ritorno a Freud"-, tenendo conto della "punta della teoria" del millennio che debutta: la cifrematica di Armando Verdiglione.

Fuori dall’elaborazione che si svolge nella sua leonardesca "bottega" dell’artista, dell’intellettuale e dello scienziato che è l’Associazione di cifrematica, la modellistica è quella legata alla sostanza e il suo strumento d’indagine è gnostico: vuole far luce sulle tenebre e quindi rende tutto tenebroso, oscuro. Inquisisce la parola libera di Verdiglione, bollato d’essere oscuro. E illumina i suoi testi alla luce dell’autodafè.

Invece, gli scritti restano, come dice Orazio. Verdiglione propone il "nome" e il "padre" come "tipo" nella sembianza, che non volge nel modello paterno da seguire, come accade in ogni gruppo dove tutti devono assomigliare al capo, portando la stessa veste, gli stessi gadget pubblicitari, la stessa cravatta, devono indossare lo stesso sorriso mediatico. Il "tratto unario" dell’identificazione al posto del "tratto" insecabile, indivisibile, insituabile, che provoca alla distrazione, alla sottrazione, all’astrazione. Che trae con sé senza plagio, indotto dalla forza pulsionale e non dalla prepotenza della banda omertosa che non ammette la bella differenza.

Ecco nuovamente il ciclo della creazione fantastica del gruppo virtuale: la messa a morte del padre fonda la schiera dei fratelli e s’ingaggia la lotta per la successione. Il padre viene ucciso pensando di spartirsi le donne e i soldi e il risultato è curioso: nasce il totem e il tabù. Nasce la tavola delle prescrizioni e la tavola delle proibizioni (e tante altre mirabolanti cose supposte sostanziali, ultime...)

Freud enuncia la fregatura dei secoli, il fantasma di liberazione. Il fantasma dello schiavo senza padrone. Il libero, per l’appunto. Il debolista moderno, giustamente definito sulla sua morte annunciata: post, postumo, postmoderno. I fratelli - che non sono ancora fratricidi - vogliono liberarsi perché desiderano tutto e subito, anche le donne e le cose supposte del padre. L’ammazzano. Ah, che liberazione! E si condannano all’obbedienza di poi, nachtraglichen gehorsams: Freud ci tiene a scriverlo in corsivo e tra virgolette. Si condannano a essere simile al padre e a essergli dissimile: "dipende" dalle occasioni.

Per esempio, il padre possedeva la madre (supposta non vergine) e loro no, la madre diviene tabù. Certo può venire trasgredito ma come disobbedienza, che è suprema variante dell’obbedienza, mentre per il padre, parodiando, era secondo l’occorrenza! Quindi il tipo messo a morte diviene per tutti i fratelli, per i componenti dell’orda un prototipo; e il suo ritratto che non indossava nessun tratto unario (nessun baffone alla Stalin né baffetto alla Hitler) si sdoppia in prototipo positivo e prototipo negativo: legale e illegale, liberticida e libertario, mano bianca e mano nera... Per fortuna il tipo non muore e l’ordine dei doppi allude a un’altra cosa. Le due mani, la mano della corruzione e la mano del purismo, alludono alla mano intellettuale, il liberticida e il libertario alludono alla libertà di parola, la legge certa del legalismi e dell’illegalismo lascia il posto alla legge incerta, che proviene dal padre che non è certo, nel senso che per essere certo i più lo vogliono morto, piuttosto di tener conto della legge e dell’etica che provengono dall’esperienza in cui ciascuno si trova. E non dal comitato etico, che non a caso interviene su questioni di genealogia e di procreazione.

Se occorre obbedire alla lingua morta del padre, il principio dell’omertà regna. Non c’è più bisogno di dire le cose (un bisogno pulsionale e non di sostanza): tutto è già scritto, propriamente "pre-scritto". E la trasgressione è lo specchio deforme della prescrizione: si fonda sul gradus, sull’ordinalità delle cose. Vuole andare al di là del passo, per non fare un passo.

Con la politica del salto rivoluzionario, dal salto nel buio al salto nel vuoto, il trasgressore è spacciato e spacciatore; e i suoi scritti assomigliano a dei dispacci. Gli uni e gli altri si disprezzano: gli apocalittici del salto disprezzano gli integrati dei piccoli passi e viceversa. È la guerra tra bande, militari o religiose che siano: il fratricidio, la morte dell’altro. Strage di sangue: perpetrata in luoghi pubblici da "caratteri sanguigni", o strage bianca: perpetrata nel privato, nell’isolamento, coi psicofarmaci, da "caratteri melanconici".

E il segreto di stato o mafioso è il risultato del principio d’omertà. Il segreto, di stato o di mafia, costituisce il postulato necessario per l’erotismo della bande, giacché godono della presunta morte dell’altro, togliendo il tempo per una assoluta spartizione dello spazio. Non più l’intelligenza come arte del malinteso, come propone Verdiglione, ma l’intesa come artificio fantastico dell’idiozia, della rinuncia all’idioma inconscio. Della rinuncia a dire, a fare, a scrivere, a leggere.

Ma quando tutto è già scritto sembra che non abbia bisogno d’essere letto. Basta avere le allucinazioni quotidiane: sentire le "voci" di corridoio. Le parole d’ordine del capo partito o quelle del boss. L’insistenza dei media sull’anoressia e la bulimia, e sulla depressione e la mania (siamo nella fase bassa della ciclotimia epocale, quindi l’accentuazione odierna è posta sull’anoressia e sulla depressione, come negli anni ottanta l’accento era posto sulla mania, l’euforia e la bulimia: si è passati dagli anni degli allucinogeni a quelli degli antidepressivi) viene dall’impossibile rinuncia alla forza pulsionale, alla pressione, rappresentata nella dottrina della predestinazione, per la quale c’è chi nasce forte e chi debole, chi soccombe alla pressione (la malinconia) e chi cerca di assumerla (la mania).

Tra megalomania e oligomania, il rilievo è assunto dal tentativo di fissare l’idea: le idee sono infatti supposte fisse nella mania. Mentre la "mania" del fantasma è la sua furia nell’operare, senza per questo agire, non si lascia rappresentare nel grande o nel piccolo: l’idea che uno si fa dell’idea non la padroneggia, è un altro operatore logico.

Rimanendo nel chiuso dei circoli esoterici o nell’aperto dei circoli essoterici, in ogni caso vige il silenzio sul contagio (oppure se ne fa un caso spettacolarmente cinematografico o televisivo: tanto rumore per nulla, giacché non se ne dà una lettura intellettuale): sui morti per droga tra coloro che la spacciano e i morti per psicofarmaco tra coloro che lottano contro la droga. I morti per eutanasia prescritta o proibita. Paradigma: la madre che uccide il figlio piuttosto che continui a drogarsi, che somministra la morte buona piuttosto che assuma la morte cattiva.

Ciclotimia: la ruota perversa del grande che diviene piccolo e del piccolo che diviene grande. Tanto il forte viene preso da debolismo (esempio: è altruista per consacrare il debole al suo posto, altrimenti potrebbe fregarglielo), tanto il debole è preso da fortismo (esempio: fonda un’associazione di mutuo soccorso per deboli e mira al posto forte in parlamento): è il ciclo della megalo-oligomania.

Il senso comune (non l’opinione pubblica, a cui questo testo porta il suo contributo), che vive di quantità, trova nell’incredibile il resto dell’espunzione della qualità, ovvero tolta la cifra non gli resta che decodificare il dogma incredibile delle immagini (figura ossimorica nella sembianza): gli par di vedere boss che si prendono per capi di stato e capi di stato gli paiono boss. Allucina la copula (modo di rappresentarsi l’ossimoro): vede il capo del governo e il boss mafioso che si baciano! Ma diranno gli amanti del senso comune: non tutto è stato, non tutto è mafia ("loro" che vedevano la mafia e lo stato dappertutto...).

Resta che sia la maggioranza silenziosa sia la minoranza vociferante si basano sulla dicibilità delle cose, sulla loro sostanzializzazione, sul poter dire la verità: il miglior modo per barare, di spacciare la verità.

Dopo essersi messi d’accordo all’interno della banda: per esempio che "la mafia non esiste", oppure che "bisogna mirare al cuore dello stato". E come lo scacco di ogni drogologia è quello di non riuscire a tracciare e padroneggiare "la soglia di trapasso del farmaco in veleno e viceversa" (Gianni Tagliapietra, La dieta mediterranea, in "La cifra" n¡4, p.127, Spirali/Vel, 1990) così il fiasco di ogni mafiologia è quello di non trovare la soglia di trapasso della mafia nello stato e viceversa. Così la pulsione scopica degli esperti della droga manca il bersaglio. Vedere la mafia, viverci assieme, infiltrarsi, mirare il corpo di mammasantissima. Scacco delle applicazioni della sociologia, come scacco dell’antropologia.

La pulsione di sapere manca a sua volta il bersaglio. Capire come funziona la mafia, studiarne il modo di costituzione, di funzionamento, il codice d’onore, il patto di sangue... Manca il bersaglio anche la passione della verità, tanto amata dal laicismo e dal partito delle mani pulite. Persino spinta la passione sino all’inquisizione, a far parlare l’altro sotto tortura, la struttura della mafia non è chiara. E il pentitismo col suo voler dire la vera verità non svela nulla, conferma il partito del silenzio, dell’omertà.

La confessione e la sconfessione: il pentitismo come la dissociazione sono varianti mafiose. Anche il metodo storico, che risente del metodo catartico ipnotico, manca il bersaglio perché cerca la scena originaria della mafia. L’attimo della sua costituzione. La scintilla che ha scatenato tutto. Non che la storia non conti: è il materiale dell’elaborazione, della lettura da cui si traggono i termini per intendere. Termini che non sono tratti dalle assiomatiche precedenti, caricaturate come saperi universitari.

I termini stanno nell’esperienza: quesito non paradossale il come ciascuno s’accorge di un discorso mafioso. L’etimologia è un’introduzione a una lettura cifrematica, ma è la lettura cifrematica a dare il suo statuto alla ricerca etimologica. Se ne ha la sensazione partendo dall’attuale - dell’esperienza - per intendere l’antico. E non come fa la vulgata laicista e la moda letteraria corrente che va a cercare episodi nel passato che illuminino l’oscuro presente. Oscuro perché senza lingua della pentecoste, senza la lingua in cui ciascuno intende. Senza intendimento delle cose, per contro con l’intesa sul luogo comune dell’oscurità. Intesa mafiosa.

Per introdurre. Il primo impiego del nome mafioso nel moderno è nel titolo del dramma popolare di Giuseppe Rizzotto I Mafiusi di la Vicaria di Palermo; la cui prima rappresentazione avvenne nel 1862. In quell’occasione è al plurale, nell’ordinalità e non nella singolarità che il nome appare. Interviene come nome di gruppo, si trattava infatti delle "bravate" di una banda di detenuti delle carceri Vicaria. La schiera dei fratelli, dunque, figli di una madre severa, la mammasantisssima. In toscano la "mafia" era intesa come miseria, meschinità, piccineria. Oggi è ammesso che l’origine del significato toscano non ha nulla a che vedere con l’origine della stessa parola in Sicilia. Uno studioso della mafia, Hess, ha trovato che il primo uso della parola mafia si trova in un documento del 1658. Il nomignolo di una strega era "maffia". Indicava allora audacia, arroganza, capacità d’incutere timore e di "esorcizzare".

Nell’Ottocento prese quota il significato di bellezza, di baldanza, orgoglio, anche di avvenenza: la strega si laicizza, diviene una "ragazza maffiusa". E l’uomo "mafioso" o "maffiuso" ha il carattere della virilità. Una delle linee di ricerca del significato della parola mafia è quella che la vorrebbe derivare dall’arabo. "Mahis" sta per smargiasso. In "mu’ afah" la radice starebbe per "forza", "salute", "coraggio" e il verbo "afah" per "proteggere". "Mafie" erano poi le cave di tufo nella zona del marsalese, dove appunto i saraceni si asseragliavano o trovavano rifugio: si nascondevano.

Altri fanno risalire la parola mafia a tempi più remoti, al dominio musulmano, ai "Vespri Siciliani", del 1282. Sarebbero stati i musulmani a definire mafiosi coloro che si oppongono alle leggi. Secondo questa tesi, l’"onorata società" sarebbe nata attorno all’anno Mille, e era un’associazione di mutuo soccorso che aiutava i deboli. Nei rapporti polizieschi del primo Ottocento, "mafia" era parola che indicava una setta segreta o persino un partito politico, evidentemente ordinato secondo lo stesso principio. Per taluni si trattava di "fratellanze" da tenere sotto controllo, perché contrarie all’ordine costituito.

La parola "mafia" disegna il suo ossimoro: banda proibita v.s. banda prescritta, protezione profana v.s. protezione divina, protezione criminale v.s. protezione di stato; e disegna le sue adiacenze: segreto mafioso & omissis di stato, salita della mafia verso lo stato e discesa dello stato verso la mafia...

Il modello è quello della famiglia sostanziale, divisa in due dall’albero genealogico: famiglia benefica e famiglia malefica, "famiglia onorata" e "onorata società". Nella prima circola la droga rispettabile: l’alcol, gli psicofarmaci..., e nella seconda circola la droga proibita: eroina, hascish... In ogni caso: spaccio della sostanza e nessuna materia del dire. Tutto avviene nell’intesa del non dire, nel principio d’omertà.

La "fratellanza" che si staglia quale accordo sulla spartizione della droga e dei suoi proventi ha il suo rovescio nello stato lottizzato, diviso in bande, così d’accordo nel dividersi la sostanza d’averne fatto un "compromesso storico". La famiglia materna, senza il mito della madre (per questo la mafia si chiama anche "mammasantissima": proprio la famiglia sacrale) tiene in ostaggio i figli, ostaggi della genealogia del sangue, sancita dal patto, ostaggi delle orme da calcare, delle armi da impugnare, a immagine e somiglianza di un personaggio di cui devono rappresentare il successore. E si uccidono tra fratelli per prendere quel posto.

Se la mano della mafia è la "mano nera", occorre notare che la "mano pulità" procede dallo stesso principio di corruzione delle cose: è la prima candidata a sporcarsi. Il partito degli onesti non può che fondarsi sul principio di disonestà come minimo male necessario. Dalla piccineria al picciotto il passo è breve. Società di piccoli, di deboli, degli ultimi. Società oligomane, nascosta, per la metamorfosi in megalomane, per l’ascesa sociale. Mentre il partito dovrebbe essere la società dei grandi, dei primi, dei falsi modesti, falsi onesti del cannibalismo bianco. Stesso cannibalismo. I fili delle bande si mescolano, s’ingarbugliano in un nodo gordiano.

E arriva sempre il rivoluzionario di turno a dire che qualcuno un giorno o l’altro dovrà ben tagliarlo. Eppure la spirale pulsionale, la spirale della pressione non fa nodo, non fa cerchio, non fa linea. Quando il teorico di dottrine dello stato, dice che "lo Stato vuole crearsi il suo nuovo personale politico e non vuole lasciarselo imporre da nessuno", si tratta della gestione mafiosa dello stato. "Lo Stato si ridefinisce come il solo centro possibile della vita politica e domanda dunque ai partiti, vecchi e nuovi, di rappresentare non l’interesse del popolo in faccia allo Stato, ma quello dello Stato di fronte ai cittadini".

Tuttavia l’equazione stato=banda come quella famiglia=mafia, e quindi quella stato=mafia, non sono che tentativi sempre in scacco. L’elaborazione negativa manca clamorosamente il rinascimento della parola. La sarabanda del luogo comune impedisce di intendere la struttura temporale dello stato, come della famiglia. Nessuna morte della famiglia. Nessun attacco al cuore dello stato.

Nessuna lotta alla mafia (proposizione assurda per il luogo comune). Nessuna resistenza al "nuovo ordine mondiale". Che non sono altro che sacralizzazioni dello stato, della mafia, degli ordini vecchi e nuovi. I loro segreti sono di Pulcinella. E i progetti alternativi mancano sempre il bersaglio in quanto "alternativi". Mai frutto del progetto inconscio di ciascuno, ma frutto della procreazione del testo supposto sacro.

Mai un altro rinascimento, ma "lotta di tutti quelli che non amano il nuovo ordine mondiale". Contro i gruppi d’amore del capitale, i gruppi d’odio del capitale. Altari e contraltari del capitale. Eludendo il vero capitale, la cifra della parola, la qualità. Giacché i rivoluzionari sono i "soggetti desideranti", i "soggetti mancanti" del capitale, aspirano al capitale come sostanza, come droga da assumere per raggiungere il piacere. Credono al capitale dell’altro. Sono capitalisti deboli. Ultimi degli ultimi. Pedine di pedine... Oligomani che sbavano sulla megalomania dell’altro.

Vogliono cambiare lo stato, la vita, il mondo piuttosto di accettarne la trasformazione. Sognano sforzi erculei piuttosto che ammettere la forza pulsionale. Fantasticano i macigni di Sisifo piuttosto che inciampare nella pietra di scandalo della verità. Assioma del sacro: le cose si dicono. Teorema del sacro: non c’è più mafia. "Dicendosi, la cose dissolvono il principio d’omertà" (Ruggero Chinaglia, Cifremi di un itinerario, in "La Cifra", n.3, p. 139, Spirali/Vel, 1989). La struttura del malinteso porta all’instaurazione di un’altra società.

* La citazione è tratta da Armando Verdiglione, La congiura degli idioti, Spirali/Vel, 1992.

Giancarlo Calciolari, direttore di "Transfinito".


Gli altri articoli della rubrica Politica :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

30.07.2017