Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Dove le onde si illudono di arrivare alla loro meta

Christiane Apprieux : pittura e poesia

Paolo Pianigiani

Non sai mai se regala o nasconde, la superficie di musica del mare. Di certo è un gioco infinito di luce, dove le onde si illudono di arrivare alla loro meta, che non esiste se non nel loro inatteso scomparire.

(1.01.2003)

La poesia che accompagna la pittura, come quando Baudelaire raccontava gli impressionisti o Klee cercava nei suoi dipinti le strade meravigliose dei titoli.

O la pittura che si insinua nella poesia: nascono insieme, come gemelli, nelle ansietà del raccontare o del simulare. Gioco di specchi e di superfici. Giochi infiniti dell’ambiguità.

JPEG - 12.3 Kb
Christiane Apprieux, "La tempesta, l’acqua, l’automazione", olio su tela, 1997, cm 12 x 23

E la pittura da sempre è simulazione, e la poesia da sempre è ambiguità. Da Altamira, da Omero, fino a Rimbaud e a Mirò.
Fino ai giorni che sono nostri.

I colori semplici che parlano, distesi in superfici di nuvola. Dove Sansone lascia appena il profumo del suo miele e un mare distende le sue onde.

Non sai mai se regala o nasconde, la superficie di musica del mare. Di certo è un gioco infinito di luce, dove le onde si illudono di arrivare alla loro meta, che non esiste se non nel loro inatteso scomparire.

JPEG - 16.6 Kb
Christiane Apprieux, "Les abondantes chevelures", carboncino, 2000, cm 15 x 21

E i disegni, che si aprono in campiture percorse, intorno a modulate aggregazioni di curva, per metamorfosi colorate di forme: cercano e raccontano volumi di dialogo o fenici senza colpa.
Che sempre rinascono dalle loro ceneri di luce.

L’ambiguità è danza e la musica è silenzio, mentre rimane dentro le nostre illusioni la sensazione di un incontro che ci cambia: ci sospende per un attimo, il consapevole dono della bellezza, che non ha regole né continuità: appare e scompare, semplice e improvvisa. Come un amore.

Sito dell’artista

Paolo Pianigiani, artista, scrittore.


Gli altri articoli della rubrica Pittura :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

26.04.2017