Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

La Scrittura e l’Ebraismo

Nadine Shenkar
(27.01.2013)

Per gli Ebrei tutto fu all’inizio ORALITÀ: La Bibbia, il Talmud, la Kabbala furono ORALI… 10000 libri oggi lo sono. Quindi il popolo del LIBRO fu anche il popolo dell’oralità.

L’arte ebraica da un’altra parte è sopratutto PAROLA, SCRITTURA.

Come nella dialettica del Talmud in cui tutto è domanda e paradossi... Moltitudini di domande, di voci, di saggi, d’interpretazioni.

Scrittura, anche, come rottura dei vasi: senza quella rottura, l’essenza della parola non sarebbe sopportabile; la luce ci farebbe ciechi.

JPEG - 30.9 Kb
Opera di Hiko Yoshitaka

Questa parola fu emergenza dal deserto. Deserto di Giudea dove i profeti hanno scoperto la parola, deserto del Negev in cui Abramo andava con l’idea dell’EIN SOF o infinito; deserto del Sinai dove Mosè andò ai confini della parola, AHAR HA MIDBAR, altrove dal deserto...

Come diceva Levinas: " Questo popolo ebraico è sempre in viaggio verso un altrove". Perché il luogo suo è luogo di parola. HA MIDBAR MEDABER, il deserto parla.

L’Ebreo è un libro, è parola... Come lo scriveva Edmond Jabes nel suo modo meraviglioso: "l’Ebreo scrive il libro che Dio gli ha dato...". Quindi la sua infinita libertà, la sua infinita interpretazione d’un Nome, della fluidità della vita che è viaggio...

Ancora Jabes: ”Scrivere è proprio rivoluzionario, è proprio ebraico, perché si prende la penna dove Dio si ritirò dalla parola... Scrivere è il tentativo suicida di compiere la parola sino all’ultima sparizione. Dio fa del suo popolo un popolo di preti, vale a dire di lettori.

Dov’è la parola ? Sempre in cammino, sempre nella decostrutione dell’ALEF in YOUD, VAV, YOUD, le 3 lettere che lo compongono.
Il SEFER YEZIRA o libro della creazione, scritto duemila anni fa, diceva al suo inizio: " Dio creò il mondo con le 22 lettere dell’alfabeto e con le 10 SEFIROT, che sono insieme i 32 sentieri della HOHMA o conoscenza... Lo creò col SFAR, SEFER, SIPOUR." Cifra, libro, racconto...

Si dice anche nel MIDRASH RABBA che furono 600000 ebrei presenti sul SINAI, per ricevere la TORA e che ci sono 600000 lettere nella Tora intera: quindi ogni Ebreo ha la sua propria lettera.
Quel mondo sarà mondo senza morte, perché è una parola originaria che si vive.

Scrivendo sappiamo che l’essenza delle cose e sempre laggiù, fuori..: SHEM, l’essenza è sempre SHAM, altronde... inaccessibile.

Scrivere, allora, sarebbe diventare parola. Passare dal visibile al invisibile, dall’imagine all’ascolto. Dalla plasticità alla musicalità.
Nel libro DAL DESERTO AL LIBRO, Jabes scriveva:"Se l’Ebreo è l’altro è perché cercando di essere a ogni costo se stesso è ogni volta di più un essere di nessuno luogo. Qui si scrive la sua differenza: è la distanza in cui si mantiene."

"Difficoltà di essere che si confonde con la difficoltà di scrivere, perché l’ebraismo e la scrittura sono la stessa attesa, la stessa speranza, lo stesso consumo".

Per l’Ebreo DAVAR vuole dire parola e atto, praxis. Vale a dire che la scrittura sarebbe apertura alla parola che si deve soprattutto vivere. Scrivere, quindi, è vivere,viaggiare, raccontare l’esperienza.
Il RAV NAHMAN DA BRASLAV diceva nel suo libro LIKUTEI MOHORAN che quando due saggi disputano su un argomento nel Talmud, scrivono la creazione del mondo, perché tra loro si fa uno spazio vuoto,uno spazio d’ascolto, HALLAL PANOUI, in cui c’è la possibilità di creare.

Scoprire sempre e nuovamente il cammino, perché una pagina bianca è un infinita possibilità di cammini diversi. Questa libertà puo spiegare che le prime tavole della LEGGE furono rotte da Mosè, metafora che suggerisce forse che solo l’uomo ha il diritto di scrivere...

Due cose curiose dicono anche questo mistero della scrittura: la prima è il fatto che la BIBBIA ebraica, il rotolo scritto a mano, è scritto con le consonanti ma senza le vocali e senza gli accenti, come se il testo fosse sempre da creare da chi lo legge...

La seconda cosa strana è ciò che lo ZOHAR, il libro più importante della Kabbala, dice della TORA: “E quando avrete finito d’interpretare e di studiare questo testo, forse per una vita intera, dovete sapere che la vera TORA è quella che non è scritta, quella che si legge nello spazio bianco tra le lettere nere”.




giugno 2012


Gli altri articoli della rubrica Teoria :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 12 |

3.04.2017