Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Dal diario di un cane", di Oskar Panizza

Masha Sirago
(3.02.2013)

Un cagnolino passeggia per la città, osservando il mondo degli umani dal basso, ma in realtà è come se li guardasse dall’alto verso il basso, come fanno appunto certe persone cosiddette “altezzose”.

Oskar Panizza (1853- 1921) scrisse “Dal diario di un cane”, una critica “feroce” alla società tedesca del suo tempo. Un simpatico bassotto che trotterella per la città, suddividendo gli uomini e le donne in “mostragambe” e “nascondigambe”, criterio legato più che altro alle movenze esteriore e divertitamente coreografiche che seppe ben realizzare cinematograficamente agli inizi del Novecento il grande Charlie Chaplin.

JPEG - 189.5 Kb
Opera in bronzo di Hiko Yoshitaka

Lo scrittore racconta le vicende calandosi nei panni del cane che, curiosando nella vita cittadina, dovrebbe far divertire ma in realtà intrattiene il lettore senza poesia né amore, come invece ben seppero fare, per esempio, Virginia Woolf con “Flush, diario di un cane” e Thomas Mann con “Cane e padrone”. Il risentimento è il filo conduttore del lungo racconto di Panizza che porta il lettore a conoscenza, in realtà, del suo sentirsi rifiutato dalla società come filosofo e intellettuale del suo tempo, dimenticandosi però di far emergere le qualità positive e i valori più profondi del genere umano. Come preso “al guinzaglio”, il lettore è trascinato negli abissi dell’animo umano.
Sconvolgente per quel tempo così lontano dalla ricerche e studi di Freud, Jung e Lacan. Forse un precursore.

Probabilmente accecato “dalla rabbia” , Oskar Panizza “vedesse le pagliuzze negli occhi degli altri e non la trave”. Scrisse infatti: “All’inizio nutrii grossi dubbi sull’opportunità di pubblicare le mie folli fantasie. Quando però vidi che intorno a me venivano scritte follie molto più grandi e peggiori da persone che per la loro capacità e posizione esercitavano un influsso di gran lunga più deleterio, quando vidi che la natura stessa nei suoi grandi fenomeni elementari metteva in mostra gli esempi più grotteschi e perversi, mi dissi: allora vai sicuro! Nessun riguardo più per questo mondo nè per questa umanità”.

Nessuna fiducia nel genere umano, né possibilità di riscatto, né amore verso il prossimo, né carità cristiana che, invece, ben sapeva esprimere il grande scrittore russo Lev Tolstoj attraverso i suoi personaggi. Una condanna definitiva personale è appunto quella di Oskar Panizza.

Soltanto a partire dagli anni novanta dell’Ottocento, Oskar Panizza decise di dare alle stampe il racconto, composto ormai da diversi anni. La sua satira attirò le ire delle autorità, della polizia, della Chiesa e della stampa reazionaria bavarese, accompagnando lo scrittore alla prigionia, all’interdizione e all’internamento.

La durezza e spigolosità dei suoi scritti satirici furono quasi certamente gli elementi che portarono all’insuccesso editoriale e di pubblico dell’opera. La casa editrice Spirali ha pubblicato la prima edizione italiana nel giugno 2011, con un esaustivo saggio introduttivo del professore Giovanni Chiarini.


Gli altri articoli della rubrica Letteratura :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 20 |

19.05.2017