Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

L’infinito di Padre Busa

Alberto Cavicchiolo

Editoriale per la scomparsa del grande scienziato, inventore dell’Ipertesto e di Internet - Padre Roberto Busa SJ

(Vicenza 1913 Gallarate 2011)

(28.09.2011)

Martedì 9 agosto, alle ore 22, nella sua camera presso l’Istituto Aloisianum di Gallarate, ha concluso una parte del suo cammino Padre Roberto Busa S.J. uno dei maggiori scienziati mondiali, che per la sua umiltà e discrezione non è mai stato protagonista pubblico e ampiamente rinomato nei mass media.

E dinanzi a questo grande gesuita, alla sua immensa opera, dobbiamo onorare, come mai prima, e ora, in occasione della sua scomparsa, intenderne il messaggio e la forza.

Scienziato, intellettuale, studioso di fama mondiale, a quasi 98 anni Padre Busa era un italiano molto più conosciuto all’estero che nella sua patria. Forse a causa del settore che ha inventato. La sua opera comincia agli anni 40, e si è scritta nell’esperienza, lungo anni di ricerca nella scienza che ha promosso e inventato, l’informatica linguistica.

Questa ricerca è globalmente riconosciuta come la base del complesso network che noi chiamiamo “Internet”, e sopra tutto della sua diffusione culturale. Come si intende leggendo davvero la sua vicenda e esplorando i riscontri della sua biografia scientifica, nel 1949, ben quindici anni prima che fossero esplicitati gli studi di Ted Nelson e di Doug Enghelbart nel progetto Arpa, un italiano aveva avviato un laboratorio speciale.

Un gesuita italiano, - vicentino come Federico Faggin, inventore del Microprocessore, - aveva percorso in modo operativo e formalizzato la struttura dell’ipertesto, che sboccerà trent’anni più tardi a livello planetario con il nome convenzionale di Internet.

Ma occorre dire che gli studi, la ricerca e il percorso logico linguistico e matematico di Padre Busa lo hanno condotto altrove rispetto a un’ideologia della tecnica. Il ”suo” Internet è speciale, inconfondibile, contraddistinto dall’infinito attuale, come attuale sono stati sempre gli interventi di Padre Busa.

JPEG - 266.3 Kb
Hiko Yoshitaka, "Omaggio a Padre Busa", 2011, cifratipo, olio su carta, betulla

La nostra casa editrice Spirali ha pubblicato i più recenti libri di Roberto Busa, tra questi Quodlibet, briciole del Mio Mulino, forse l’opera più aperta e pubblica dello scienziato. Grazie alle presentazioni del volume in Italia si è avvertito, finalmente da un pubblico non specialistico, la grandezza planetaria della sua avventura.

Nel volume che contiene il dossier alla Accademia della Crusca ossia Rovesciando Babele, ossia tornare alle radici di ogni lingua, nel, 2006, intendiamo l’estensione dettagliata di una ricerca intellettuale, matematica che ha consentito di esplorare la parola grazie alla nascente scienza dei computer.

Quando, a quindici anni frequenta il seminario di Belluno dove ha come compagno di studi un amico vero – cui sempre dette del ”tu”, Padre Albino Luciani, non sapeva che in seguito lo avrebbe chiamato, Papa Giovanni Paolo I. Ma sono in effetti 7 i papi che hanno collaborato e sostenuto l’opera e la ricerca del pioniere degli studi linguistici nell’informatica. E certamente oltre all’amatissimo Papa Montini, il papa che lo onorò di recente fu Woytila, che gli dedicò un imponente udienza in Vaticano per iniziativa del professore Guido Crapanzano, alla presenza del Governatore della Banca d’Italia, di Giulio Andreotti e di personalità come il direttore del FMI Camdessus e della Bundesbank Tietmeyer.

La sua opera libraria princeps è l’Index Thomisticus, una formalizzazione dell’opera omnia di Tommaso d’Aquino, che ha richiesto almeno 35 anni di lavoro e ricerca. 54 Volumi prodotti con la collaborazione tecnica di IBM. Azienda che finanziò e sostenne la sua ricerca direttamente per indicazione del suo fondatore Tom Watson.

La testimonianza più vicina nel tempo di Padre Busa è sicuramente l’intervista che Stefano Lorenzetto ha raccolto nel ottobre 2010 sul Giornale, pochi giorni prima del suo 97 compleanno, dove scrisse “Era nato solo per far di conto, il computer, dall’inglese to compute, calcolare, computare. Ma padre Busa gli insufflò nelle narici il dono della parola. Accadde nel 1949. Il gesuita s’era messo in mente di analizzare l’opera omnia di San Tommaso: 1,5 milioni di righe, 9 milioni di parole (contro le appena 100.000 della Divina Commedia).”

Ma che cosa ci rimane oggi di Padre Busa? Ancora l’essenziale! Da inventare, e da valorizzare, da capire, da fare.

La questione aperta.

La questione intellettuale.

Dove interviene il ritmo della parola, (numerus)

Dove la ricerca di Padre Busa trova la cifra dell’informatica, scienza che non può esistere senza la parola e la lingua


Dove il suo contributo occorre sia inteso con un apporto di degnità, la cifrematica

Sta qui l’avvenire di questa ricerca, di cui suggerisco alcuni tag, ossia indicatori linguistici: tra parola, lingua, ritmo, aritmo, aritmetica, numerus, numerario, nome, nominazione.


Alberto Cavicchiolo

Spirali edizioni


Gli altri articoli della rubrica Informatica :










19.05.2017