Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Quale escatologia

Giancarlo Calciolari
(29.11.2010)

Come leggere è una questione che raramente è posta nel dibattito intellettuale. Sembra andare da sé che ognuno oggi legge come vuole e quello che vuole, e la questione pare vuota. Invece basterebbe la censura a indicare che la questione è ancora imbarazzante, ieri per le religioni e oggi non solo per loro, ma sopra tutto per il discorso scientifico in posizione di referenza sociale assoluta, nell’occidente. E se quasi nessuno incontra la censura non è perché non esista, ma perché ognuno si autocensura e non rischia lo scandalo della verità. Ancora più rari sono coloro che vanno per la loro strada, quand’anche agli altri paia un’autostrada.

Il professore di teologia a Regensburg, Joseph Ratzinger, quando nel 1969 si accinge a scrivere un libro dal titolo Escatologia. Morte e vita eterna (prima edizione del 1977), sostiene tesi che non sono maggioritarie. La sua reintroduzione del concetto di anima può avergli aperto poi la via alla carica di Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, ma non quella a Arcivescovo di Monaco e Frisinga. Quanto poi abbia pesato l’aspetto della formazione culturale di Joseph Ratzinger nell’elezione a Papa richiederebbe una ricerca apposita.

La nostra lettura dell’Escatologia è un confronto con il testo, senza apposizione né opposizione. La posizione di lettore è forse vicina a quella di Ovidio che non dice d’essere poeta, ma di essere il libro di un esiliato.

Joseph Ratzinger si dichiara lettore del factum di Gesù. E questo è un aspetto della fede, che si nutre della ragione, sapendo tuttavia che mai con la ratio si potrà raggiungere la fede. Non si tratta dell’atto di Cristo, ciascuna volta originario, ma della credenza nel fatto, certamente eccezionale, e sfuggente alla ricostruzione storica e alle postmoderne archeologie del sapere. E questo per precisare che ciascuna volta che la ragione singolare dell’autore giunge ai paradossi della teologia, la via del proseguimento è data dalla fede. E questa non è una particolarità di Joseph Ratzinger ma della teologia, non solo cristiana.

Il factum di Cristo è l’assioma. Ciò che vale. Il valore assoluto. Vittorio Messori l’aveva chiamata l’ipotesi Gesù. Ipotesi abduttiva, non deduttiva. Certamente la logica deduttiva, la vera dottrina del discorso scientifico (che è una parodia se non una caricatura della scienza della parola), tratta la religione come una pseudo logica deduttiva. Invece occorre mantenere l’ipotesi abduttiva, improbabile, imprevedibile, ignota, contro quella che risulta gnosi, sociale o personale che sia.

La fede in Gesù permette al teologo Joseph Ratzinger di offrire anche pagine bellissime di lettura dello spirito del tempo, come l’analisi leggera, quasi a passo di danza, del marxismo. E qualora alcune citazioni di Martin Heidegger possano sembrare un omaggio all’epoca, Ratzinger menziona chiaramente l’apostasia e il paganesimo del presunto maggiore filosofo del secolo scorso.

Joseph Ratzinger nella postfazione alla sesta edizione annota che nella lettura del suo testo l’attenzione dei critici (teologi) sia andata al problema del corpo-anima più che a quello dell’essenza della escatologia, e per questa ragione alla postfazione segue un’appendice dal titolo “Tra morte e risurrezione. Riflessioni aggiuntive sulla questione dello stadio intermedio”. E si tratta di un’ulteriore elaborazione sull’irrinunciabilità al concetto di anima. In breve, al dualismo platonico di corpo-anima, aggiuntosi secolarmente al monismo teista cristiano, la doxa cattolica prima dell’insegnamento di Joseph Ratzinger spingeva in direzione di una purificazione del testo ebraico dagli innesti greci, tra i quali la nozione di anima, che nella Bibbia c’è solo al prezzo della traduzione del termine ebraico ruah, respiro, con anima, per l’appunto.

Anima, animazione, animale. Psiche è anche farfalla. C’è chi ha distinto tra pneuma, anima e corpo; ma non è questa la via della nostra lettura. Ci interessa la questione dell’escatologia, e non nel senso che ne dà la teologia e ancor meno la teologia politica.

È interessante notare come sin dall’inizio del suo lavoro Ratzinger distingua tra escatologia e teologia politica, che risulta quasi un passaggio all’atto dell’escatologia. Che cos’altro sono il marxismo e il nazismo se non due passaggi all’atto dell’escatologia? Se il secondo può risultare molto chiaro leggendo l’opera del giurista Carl Schmitt, in cui il nazismo era il ritardante dell’anticristo, per il primo si può leggere proprio il divergente amico di Schmitt, Jacob Taubes, che riconosce non solo la grecità del pensiero occidentale (e quindi anche cristiano), ma identifica con chiarezza il messianesimo marxista e anche le “identificazioni” di Hegel e di Nietzsche a Paolo.

Ratzinger mantiene la tensione escatologica, senza cedere alla via mondana della sua realizzazione. E si potrebbero leggere gli “errori” della Chiesa nei secoli proprio come cedimenti a questa tentazione, che altro non è che una delle tre tentazioni di Gesù nel deserto. Per altro, questa tensione escatologica è quella dell’ebraismo, mai privo di cedimenti. Ancora alla fine del secolo scorso si era annunciato un messia a New York.

La questione non è se l’escatologia ebraica e cristiana possano sfuggire alla teologia politica, come non lo è per l’islamismo (mentre invece parrebbe solo teologia politica, basta leggere i testi dei capi di Al Qaida), ma che non solo la teologia politica propriamente detta governa governatori e governati (e tribuni dei governati), ma anche proprio quel pensiero che si dichiara apertamente ateologico. È questa la lezione del filosofo Giorgio Agamben, che tuttavia non sfugge allo stesso discorso che analizza. Il titolo della sua escatologia politica è “Il tempo che resta”. E non occorre citare Kojève che già nel titolo di un libro coglieva l’essenziale del messaggio dell’autore.

La nostra ricerca di lettore è in atto, non solo rispetto alle rappresentazioni mondane maggioritarie, quelle spronate dai grandi della terra, e dai loro nani teorici monumentalizzati, ma anche delle esperienze originarie di lettura, come la Torah, la Bibbia, il Corano, i miti fondatori di altre civiltà.

Quindi accenniamo alla trama di questa ricerca, tra le altre.

Noi veniamo da Freud. Abbiamo imboccato la via della psicanalisi e non ci siamo mai più smarriti. E poi siamo andati oltre l’impossibile soluzione della farfalla. E non abbiamo pressoché nulla da spartire con coloro che praticano oggi la psicanalisi.

In breve, o quasi, Freud articola un ordine simbolico che sfugge alle forme storiche degli ordini sociali e personali. Per questo l’inconscio viene definito astorico. E difficilissima è la partita di distinguere tra la struttura dell’inconscio e le varie sovrastrutture. Questione non estranea anche alla teoria di Marx, come anche alla fenomenologia di Heidegger. Ora noi leggiamo il mito scientifico del padre dell’orda primitiva (in Totem e tabù) come una fantasia a cui credono tutti, perlomeno coloro che si ritengono far parte dei tutti. Allora alcune nozioni freudiane – in uno stile che Freud stesso ci insegna – le ritroviamo fantasmatiche e non strutturali. E da Freud a Verdiglione, con il quale ci siamo formati, si va dal fondo roccioso dell’analisi dato dall’invidia del pene e dalla protesta virile (Freud) alla vanificazione della genealogia (Verdiglione), alla dissoluzione della credenza nella predestinazione. Su questa via sono rarissimi i ricercatori. Perché? Perché perdono tutti i vantaggi sociali dell’accettazione del principio genealogico, del principio del padre, del principio dell’immagine paterna, del principio dell’interdizione, nel senso della proibizione dell’incesto. Ci riferiamo qui all’analisi del giurista e psicanalista Pierre Legendre, che non a caso procede nella sua lettura a partire da quello che chiama il monumento romano canonico, e anche “L’altra Bibbia dell’Occidente”. La genealogia instaurata dal principio del padre sarebbe il perno della tenuta sociale, quasi l’antidoto al male. Mentre per altri, la gerarchia instaurata dal principio del padre è la fonte di tutte le guerre e di tutti i massacri (lettura fatta in nome di un altro principio genealogico).

Difficilissimo è porre la differenza tra l’immagine e l’immagine “fatta”. La lettura dell’Esodo alla lettera, richiederebbe almeno quello scollamento che offre la cabala passando per il numero. Ma appunto, la questione è solo evitata, permanendo in questa corrente dell’ebraismo l’idea del Dio agente. Non essendo ebrei, possiamo partecipare per una volta al partito impossibile di Maimonide. Ogni attribuzione a Dio è umana, anche quella che pare doppiare la teologia in ontologia. L’essere. Lacan aveva inteso bene che la risposta di Dio a Mosè ha lasciato alla deriva il suo popolo: “Io sono colui che sono”, o meglio: “Io sarò colui che sarò”. Il verbo essere non è neanche un impossibile nome di Dio. Da Duns Scoto a Tommaso d’Aquino la filosofia dell’essere s’incista nella teologia cristiana con la “lettura” di questa frase.

La questione non è solo che se Dio agisce ci si imbatte nel paradosso del monoteismo (di cui non ha fatto tesoro Henri Corbin, teosofo a struttura esoterica), per cui se Dio crea ci dovrebbe essere sempre dietro un altro dio che ha creato dio… Non solo si può seguire la diffusione della gnosi nel cristianesimo e prima ancora nell’ebraismo (permane anche in Ratzinger la questione della formazione ellenica di Paolo), e anche nell’islamismo, annotando come la lotta tra il bene e il male, tra un dio superiore e un dio inferiore, comporti una struttura gerarchica in ogni istituzione del pianeta. E la gerarchia è fatta a immagine del padre inconoscibile. La gerarchia terrestre sarebbe mutuata su quella celeste. L’omologia è stata creata molto prima della formalizzazione che ne ha dato Évariste Galois con la sua teoria del gruppo. Galois che crede alla civetta che lo porta a perire in duello.

Oggi, in occidente, e in questo non sbaglia Pierre Legendre, nel posto della referenza assoluta (che egli svuota, senza intendere che è la posizione del punto vuoto) non c’è più Dio, e neanche il popolo: c’è il discorso scientifico, che con il nome di “tecnica” è divenuto la causa di tutti i mali, al punto che Heidegger la ritiene un compimento della metafisica e responsabile delle camere a gas (e quindi il filosofo non sarebbe responsabile della sua adesione al nazismo). Ma chi ha trasformato i forni del pane in camere della morte?

Dire che non c’è più il principio del padre non corrisponde a negare il padre, lo zero, il nome nella parola. Il padre senza più origine è il padre originario, il padre nella parola, il padre funzionale (e non la funzione paterna di Lacan). Ciascun elemento nella parola ha uno statuto introvabile per via sociale, anche per via religiosa, anche per via matematica, anche per via del discorso scientifico. Per forza le scienze “molli” (antropologia, psicologia, sociologia) non affrontano l’essenziale: anche i loro attori vivono nelle gerarchie e quindi non possono che avere ipotesi molto immaginose della questione del fallo.

L’escatologia è il destino del fallo in tutta la sua significazione (Bedeutung). E coloro che non si attengono all’escatologia sembrano tutti imbecilli, ossia senza bastone. Dupes. Senza la piuma sul cappello, come invece portano i notabili del paese (quando ci sono due pesi e due misure ci si trova nella teologia politica, l’errore tecnico dell’escatologia). Curiosa l’affermazione di Lacan che siano les non-dupes a errare.

La guerra delle immagini è quella tra principi genealogici differenti. Prima era la querelle des images. E da sempre è guerra civile planetaria. Ebbene, se il principio della parola non è genealogico, e sfugge all’impresa millenaria dei teismi e degli ateismi, questa è la via dell’uscita dal vicolo altrimenti cieco dei massacri tra umani. Via stretta, difficile, ma anche semplice.

Certamente l’epoca e la sua mondanità vanno contro la direzione intellettuale. Lo si nota anche nella cura redazionale dei testi. Se Peirce si sentiva non letto, e aveva azzerato i rarissimi lettori auspicati da Manzoni, e diceva ironicamente d’essere letto solo dal correttore delle bozze, nel caso di Joseph Ratzinger nemmeno l’elezione a Papa ha mantenuto almeno il correttore delle bozze come lettore.

Noi abbiamo letto la ristampa del 2008, e le bozze del libro non sono corrette. Si avverte nettamente che il testo è stato passato allo scanner e “letto” dal programma per il riconoscimento dei caratteri. Permangono degli “rn” per “m”, delle minuscole dopo il punto, dei singolari divenuti plurali e qualche parola non riconosciuta dal programma è saltata dalla frase…

È difficile non porsi il pseudo sillogismo: “se non leggono il papa, figurarsi noi che…”. Per fortuna noi non ci figuriamo, non ci immaginiamo (tale è invece l’invito di Platone al suo interlocutore), anche perché non c’è l’immagine di sé, e l’immagine si qualifica come l’inimmaginabile.

Chi avrebbe mai pensato o immaginato che nonostante l’impero pedagogico e mediologico potesse rimanere aperto uno spiraglio per scrivere una semplice nota come questa?

JPEG - 175.7 Kb
Opera di Ettore Peroni





nota scritta per il blog dell’artista Alessandro Taglioni




novembre 2010


Gli altri articoli della rubrica Teoria :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 12 |

19.05.2017