Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Nuovi e vecchi muri

Antonella Iurilli Duhamel
(15.11.2009)

“ No man is an island”, con queste memorabili parole, John Donne ci metteva in guardia nei confronti di ignoranza, insensibilità e isolamento: muri facili da costruire ma fonte inesauribile di dolore, molto difficile da debellare.

Berlino ha pensato di erigere un maestoso muro grigio in polistirolo per celebrare il ventennale dell’abbattimento dello storico muro. Il rito è stato voluto per dare nuova vita al mito e per fornire alle nuove generazioni, che potranno distruggerlo questa volta a mani nude, il senso di appartenere a qualcosa di più grande, la possibilità di poter dire un giorno, come i loro padri: “C’ero anch’io!”

Purtroppo però, dopo venti anni dalla caduta dell’emblema della divisione fra capitalismo e comunismo, ben altri sono l gli ostacoli nella nostra era. Berlino ha rappresentato il centro della divisione ideologica tra Occidente e Oriente, tra Usa e Urss, tra Nato e Patto di Varsavia. La caduta del mitico muro avrebbe dovuto costituire il suggello che sanciva la fine della Guerra Fredda e la trasformazione dell’umanità in una singola civilizzazione, con maggiori possibilità di sicurezza e benessere per tutti.

JPEG - 404.6 Kb
Antonella Iurilli Duhamel, "Invisible Walls"

Il sogno però ha gradualmente rivelato i suoi lati oscuri. Il concetto di ‘unione’ si è rivelato solo uno slogan, e più che di unione si è trattata invece di una vera e propria colonizzazione. Chi viveva male e di stenti prima della caduta continua tuttora a frugare nei bidoni della spazzatura in cerca di qualcosa per sbarcare il lunario; i furbi e gli opportunisti, invece, hanno ovviamente beneficiato di migliori opportunità.

La caduta del muro ha senz’altro scongiurato il rischio di una guerra nucleare, ma la guerra non sembra aver abbandonato il nostro pianeta. La differenza tra ricchi e poveri sembra sia notevolmente aumentata, e non solo tra il Nord ed il Sud del mondo, ma anche all’interno delle stesse nazioni più ricche.

Gli Stati Uniti, fautori del grande sogno di apertura ed unione, promisero a Gorbachev che non si sarebbero inoltrati nei territori dai quali i Russi erano pronti a ritirarsi, ma le loro postazioni sono nel frattempo aumentate, e essi non hanno mai rinunciato alla loro posizione imperialista, al contrario, i loro investimenti militari sono persino più consistenti di quelli risalenti ai tempi della Guerra Fredda. La strategia militare sembra essere così l’unico strumento per risolvere i conflitti. La Russia ne è uscita devastata e non è riuscita ad integrarsi con l’Europa la quale, a sua volta e grazie all’ingerenza americana, non è ancora uscita dalla sindrome della Guerra Fredda. Obama ha sostenuto, nella sua recente visita a Berlino, che i muri devono cadere; sarebbe ora però di specificare quali sono questi muri.

La caduta del mitico muro ha concentrato l’attenzione sui più sensibili elementi di divisione tra i veri protagonisti del potere e le silenziose comparse di questo palcoscenico mondiale. Da una parte abbiamo i dominatori (rappresentati dalle classi dominanti occidentali maschiliste e di pelle possibilmente chiara) dall’altra, ci sono (a riserva di ossigeno) la natura, le masse, i più deboli; assieme alle varie categorie a rischio di estinzione.

Le barriere tra “Noi”e “Voi”, da sempre costituiscono la premessa più convincente per giustificare ogni atto di aggressione, guerra e sopraffazione e risultano oggi più vitali che mai, lasciando intravedere un nuovo tipo di muro, ancora più insidioso di quello fisico smantellato venti anni fa. È un muro fatto di carne, di sangue, di fanatismi politici e religiosi, di cinismo e di alienazione; un muro che, in nome di sicurezza, utilitarismo e potere, non si fa scrupolo di scatenare e alimentare guerre più o meno sante, rendendo questo mondo un luogo tutt’altro che sicuro.

L’umanità, ha lasciato la caverna ed ha cominciato a costruire muri; ma nella caverna, come all’interno dei suoi muri, l’uomo vede solo l’ombra di sé e di quanto lo circonda. La mancanza di contatto con la realtà lo fa vivere in un cronico stato di paura. Abbiamo ereditato un sistema culturale creato migliaia d’anni fa, basato sull’ignoranza delle masse. Persino l’avvento della stampa non ha modificato di molto la tendenza dei più a non volere o poter vedere oltre le apparenze. Hitler soleva dire che “l’ignoranza della gente è la più gran fortuna di chi sta al potere !” Non ci si rende conto che le antiche divisioni, di razza, religione, sesso, sono solo muri ideologici; in realtà a governare sono le plutocrazie, formate da quei gruppi finanziari che con i loro ingenti capitali ed il controllo sui media riescono ad influenzare la politica dei loro governi.

Il muro è caduto ma gli esseri umani non sono più liberi; hanno solo cambiato la marca delle loro catene. Oggi come ieri sono schiavi dei loro istinti e delle loro paure, ma soprattutto della loro ignoranza; il che li rende da sempre facili prede di venditori di illusioni senza scrupoli.

Nel frattempo il disaccordo è divenuto il modo di esistere più comune. A questo punto la conflittualità sociale è giunta ad un tale punto di confusione, che è sempre più difficile definire le parti in gioco. Le antiche formule sociali e politiche, di cui ci siamo avvalsi in passato per definire gli antagonismi, diventano sempre più difficili da decifrare. Le donne quanto gli uomini, sebbene abbiano almeno in apparenza conquistato maggiore benessere e libertà, non si sentono più liberi di ieri; entrambi i sessi vivono incessantemente una lotta senza sosta, solo in parte consapevoli ma in larga parte inconsapevoli con sé stessi.

La lotta interiore pone l’uomo in uno stato di prigionia in quanto la lotta richiede tensione, e la tensione una volta cronicizzata imprigiona l’uomo in una capsula che lo rende rigido e insensibile.

La cultura che abbiamo ereditato è fondata sulla meticolosa e inesorabile divisione tra testa e corpo, raziocinio e sentimento, funzioni materiali ed esperienza spirituale, scienza e magia, medicina e conoscenza dei rimedi naturali, sessualità e sacralità, arte e mestiere, lingua e poesia, e questo ci ha consegnato nel corso dei secoli una conoscenza maggiore, astratta e meccanicistica, saldamente racchiusa nelle mani di élite privilegiate, organizzate in professioni, gerarchie e classi.

Anche la vita è stata divisa in categorie di maggiore o minore valore. In questa gerarchizzazione e suddivisione la natura e i più deboli hanno avuto la peggio. Il progressivo saccheggio della natura, e la progressiva identificazione con valori legati alla supremazia del potere, hanno ormai condotto il nostro pianeta ed i nostri corpi sull’orlo del collasso del proprio sistema immunitario; questo in nome della tecnologia, dell’utilitarismo economico, del dominio. Assistiamo insensibili e muti alla perdita del nostro stato di grazia originale, del nostro modo naturale di essere.

È cambiata la forma ma la sostanza rimane. Tuttavia la crisi dell’economica globale che ci ha investito, sta rivelando i suoi punti deboli in quanto lo sviluppo si è basato sullo sfruttamento ad oltranza delle risorse. Risulterebbe allora opportuno una serie riflessione su alcune necessarie ed improcrastinabili riforme per evitare che la nostra cultura rallenti la sua pazza corsa verso la costituzione di un mondo di schiavi soggetti a padroni sempre più senza faccia e senza nome.

Nel frattempo a Berlino i ragazzi giocano a smantellare il nuovo muro semplicemente con le unghie; mentre i giochi (quelli seri) si svolgono da un’altra parte.


Antonella Iurilli Duhamel

Espone per

Freedom against the Walls

Mostra collettiva


Spazio Symposium

Via Stampa 6/a- Milano

Inaugurazione

Sabato 7 Novembre 2009, ore 19.00


Gli altri articoli della rubrica Politica :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

3.04.2017