Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Aurore e tramonti

Sullo spiritismo

Gigi Damiani
(1.09.2009)

... Che lo spiritismo — specie quello spicciolo — vada conquistando, con un impulso vertiginoso, i popoli, è cosa che non è onesto negare.

In basso come in alto — in una lunga serie di nuances che vanno dalle pratiche di magia nera ad una specie di monismo spiritualistico — egli allarga la sua serchia (1): uomini di scienza lo difendono: apostoli lo propagano, letterati ne fanno soggetto di romanzi e novelle, poeti cadono in trance per cantarlo, ed una eccitazione morbosa spinge le masse a proclamarlo il non plus-ultra delle religioni.

A quale fenomeno nuovo di allucinazione collettiva noi assistiamo? O forse, finalmente, l’enigma della vita è stato completamente risolto dal medium che legge nel passato, e nel divenire, signore del segreto di tutte le cose che furono e che saranno?

Niente di tuttociò.

All’umanità che affannosa indaga la Sfinge sorride ancora il suo pallido sorriso d’ironia e di pietà...

E il fenomeno di allucinazione collettiva che ci turba, ahimè, non ha in sé nulla di nuovo.



JPEG - 180.9 Kb
Gigi Damiani

V’è una conclusione indiscutibile: la bancarotta del cattolicesimo.

Invano il cristianesimo di Calvino e di Lutero, dei battisti; e dei valdesi, reclama a sé la liquidazione della casa-madre...

Monotono come uno di quei vecchi organetti a manovella, il protestantismo. non seduce che pochi melanconici. Deve la sua fittizia vita al dollaro americano ed. alla lira inglese... e il giorno in cui i bagliori «del signore del mondo» non scalderanno più i distributori dell’evangelo; questo andrà in retaggio ai salumai.

Ma se il cattolicesimo muore... vive ancora ingenua e seducente la fede... e si plasma per proprio uso una religione che sembra nuova, «lo spiritismo» ed alla quale i tempi impongono una forma più umana.

L’uomo non ha ancora la coscienza di se stesso, perciò non ancora in se stesso può credere.

Logico che all’infuori, del suo io costruisca una idealità-vivente che lo guidi o lo aiuti.

Non neghiamolo.

Lo spirito religioso è in tutti noi, si creda in un feticcio, nella jettatura, o in Maometto, o nel Progresso.

Ernesto Eæckel stesso con quella stessa penna che distrugge tutte le illusioni, non scrive forse intorno alla necessità di templi ben adornati o di chiese, o di qualche luogo di raccoglimento in cui gli uomini possano ritirarsi?

Lo spiritismo vuol conciliare la fede con la scienza, ed è questo tentativo che gli facilita il diritto di successione. Nega tuttociò che è stato negato, dall’esistenza dell’infallibilità dei sacerdoti, a quella di un Dio antropomorfo. Accetta tuttociò che è stato dimostrato, dall’evoluzione dei mondi, a quella della specie.

E risolutamente, con un. gesto eroico, contro la morale borghese accampa la morale egualitaria.

Vincerà. La Successione è sua. Gli altari si muteranno in tavole giranti e danzanti, e il sacerdote in medium...

Poi... esaurito anch’esso, un bel giorno passerà nel numero delle religioni che furono.

Ma la fede resterà ancora e darà vita ad una nuova chimera e in questa giurerà...



I miracoli dello spiritismo sono in fondo, gli stessi del cattolicesimo e del paganesimo.

La sibilla Cumana, diventata santa Teresa, è, oggi, Eusapia Paladino (2).

Simon Mago, e Simon Pietro, hanno oggi numerosi rivali... Quale città che non abbia oggi i suoi dieci oracoli di Delfo... ?

Nulla di nuovo nella sostanza. Molto di nuovo nella forma.

II veicolo del soprannaturale però è sempre l’isterismo:

La sua documentazione è sempre il mistero.

Tutte le religioni partono da un fenomeno reale, le cui cause sono ignorate momentaneamente. Conosciute tali cause, il fenomeno non turba più alcuno, cessa il mistero che lo avvolgeva, e declina la religione che lo aveva dichiarato suo testimone, io non ho mai assistito a sessioni spiritiche, ebbene, io non nego nessuno dei fenomeni, che là si realizzano. Confesso di più : non so spiegarmeli.

Dall’insufficienza d’interpretazione di tali fenomeni, viene la forza dello spiritismo. E come l’uomo primitivo che dette per causa al fulmine un Giove Tonante, egli, lo spiritismo risolve gli oscuri problemi del momento, con l’attribuirli alle anime dei trapassati.

La conclusione è arbitraria.

Per la fede però è : sufficiente. Ma la ragione; prudentemente aspetta e procura.

Ad onta di tutta la sua superbia l’uomo è ancora all’ a b c del gran libro della natura delle cose. Non conosciamo ancora noi stessi e vogliamo spiegare 1’infinito in poche frasi. L’atomo sfugge alle nostre ricerche e ci inventiamo sistemi di ordinamento cosmogonico. C’è di più. Siamo incapaci di difendere la nostra esistenza relativa, e ce ne attribuiamo una eterna. L’incoscienza della nostra imperfezione, sola, può permetterci di: crederci figli di un Dio perfetto!

Ecco, da secoli e secoli l’umanità non fa, che crearsi degli idoli, eppoi spezzarli...

Ciò dovrebbe avere una fine.

Il meglio sarebbe che stretti da un vincolo di solidarietà noi studiassimo spassionatamente.

Ma no...

Gli occhi bendati noi ci lanciamo gli uni su gli altri, difendendo assurdità che presto tramontano. Intanto la vita reale corre breve e triste ed i nostri passi li moviamo nel fango e nel sangue, aspettando redentori che ci redimano dal peccato di origine: oppure che la nostra vigliaccheria di oggi, oltre tomba, premio ci sia l’incarnarci nel pianeta Marte. E così sarà traverso il tempo ancora.... ancora.

Passerà lo spiritismo; all’adorazione dei morti, succederà quella delle cose, o del nulla.... antichi sistemi torneranno con vesti nuove... nuovi misteri avanti noi si ergeranno paurosi...

Eppoi...

Chi sa?

... Forse un giorno l’ignoto avrà cessato di tormentarci e l’uomo sarà l’unico Iddio... libero di tutte le paure, onnipotente e onnisciente.

(1) Errore di stampa per "cerchia".
(2) Eusapia Paladino, nata a Bari nel 1845, famosa per la sua capacità di provocare fenomeni paranormali, legati in particolare alla telecinesi. Si interessò di lei anche Cesare Lombroso.



Da: La Battaglia, San Paolo (Brasile) - 3 Novembre 1907

di Gigi Damiani

Trascrizione e note di Paolo Pianigiani

JPEG - 443.1 Kb
Christiane Apprieux, "Questo non è un girasole", 2009, tecnica mista

Gli altri articoli della rubrica Religione :












| 1 | 2 | 3 |

11.05.2017