Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Tre poesie

Beatrice Niccolai
(25.05.2009)

Non ha misura il cielo

(creatura parola)



Se solo tu capissi

quanto sangue ho perso in ogni lacrima

mi tamponeresti il cuore

con foglie di noce,

e scioglieresti i nodi dalla gola degli aquiloni.


Non ha misura il cielo,

e noi che ci stiamo dentro,

respiriamo vita da una bolla di sapone.


Anche dio se n’è accorto che non c’è pace

fra gli ulivi ne’ sotto al glicine

né nella mia terra

dove della donna è stata strappata la radice.


Creatura parola

che ari e vanghi con le mani

il campo del Signore,


semina silenzi

e abusa della mia voce


per una preghiera, un gemito, un sussurro,

o solo

un pianto di dolore




L’erreur


Ti trovo sempre

seduto sul lato nascosto

della mia isola.

Qualcosa di vivo

ancora sembra abiti l’aria

e muova le tende dei salici.

La terra raccoglie per me

il rumore dei tuoi passi

quando cammini sui miei pensieri

e stridi come un lamento.

Come un pezzo di carta

mi scarabocchio intorno

sottraendo alla vita altri giorni.

Anche oggi ho perso vent’anni,

nello sguardo d’un momento.

Tu eri affacciato sorridente

sul davanzale

del mio ennesimo sbaglio.



En ce temps-là


Quelle lunghe ore senza tempo

e quell’esserci così per forza,

come se stessi per vita mia

già scrivendo l’undicesimo comandamento.

Vorrei estirpare la pesantezza

come una radice dalla terra

e sfamare il bisogno di colori

dall’arancione di una carota.

Ci sono giorni che si scrivono

con la luna di traverso

o il sole fuori posto.

Certe ombre si vedono anche al buio

e occupano verità e menzogne

come il filo d’erba al prato.

Mi soccorra la Speranza

quando la notte

copre tutte le radici nella terra

e quando anche la terra

si veste di silenzio.

Vorrei frugarmi dentro la vita

in cerca solo di una stupida certezza,

o di una noce fossilizzata

come amuleto.

Sentirti vibrare in quest’eterno

ch’è dichiarazione di vita

per noi che inciampando

stiamo solo passando.





JPEG - 208.6 Kb
Hiko Yoshitaka, "Culte sexuel primitif", 2009, chiffretype, acrilic



Beatrice Niccolai:

il sito

www.beatriceniccolai.it

il laboratorio di parole (blog-notes)

www.independance.splinder.com

su wikipedia

http://it.wikipedia.org/wiki/Beatrice_Niccolai

le nostre donne

www.lenostredonne.blogspot.com

su myspace

www.myspace.com/beatriceniccolai

su youtube

http://www.youtube.com/watch?v=zEKfftlpTK0


Gli altri articoli della rubrica Poesia :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 16 |

30.07.2017