Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"America sommersa" di Eric Shlosser

Elisabetta Blasi
(15.04.2009)

In tempi di crisi globale, vale la pena leggere questo documentatissimo saggio del giornalista Shlosser, significativamente sottotitolato Sesso, droga e nuovi schiavi negli Stati Uniti. Saggio scritto sei anni orsono; pubblicato in Italia due anni dopo (2005) dai tipi di Marco Troppa editore, quando ancora non c’era stata l’esplosione dell’insolvenza dei mutui immobiliari contratti da milioni di cittadini statunitensi, ed il conseguente effetto-domino sulle economie mondiali, che ci sta riportando né più né meno che nel clima - Wall Street Crash, 1929.

JPEG - 54.3 Kb
Opere di Christiane Apprieux

Il testo dipana il filo di una matassa ingarbugliata, ma vichianamente fedele a se stessa, almeno nella riproposizione delle schizofrenie del capitalismo impazzito, delirante d’onnipotenza e tronfio di letture di comodo della “mano invisibile” di smithiana memoria.

Gli USA si raccontano attraverso tre settori-campione dell’economia sommersa: i mercati di marijuana, manovalanza agricola messicana, prodotti pornografici hardcore.
Iniziamo dalla definizione che l’autore dà di economia sommersa, che:

«[…] si trova ovunque le attività economiche restino fuori dai libri contabili e vengano svolte in violazione della legge. […] Comprendono il lavoro nero per arrotondare lo stipendio, l’emissione di assegni a vuoto, la ricettazione, il commercio ambulante abusivo, l’evasione fiscale, lo sfruttamento dei lavoratori a giornata e del lavoro minorile, le fabbriche clandestine dove vengono violate le leggi sul lavoro e i diritti umani, le rivendite di ricambi rubati, il contrabbando di sigarette, di armi, di immigrati clandestini, di Rolex contraffatti, la pirateria musicale» (pag. 12).

Ed iniziamo dipoi il viaggio nel cosiddetto Corn Belt (macroregione che individua gli Stati centrali della federazione statunitense, tra cui Ohio, Illinois, Indiana), per finire in California passando da altri Stati dell’Old South, come le due Caroline, l’Alabama, il Missouri.

Il primo gruppo individuato funge da bucolico scenario alla coltivazione e produzione clandestina, esterna ed…intramœnia (mi perdonino gli ospedalieri se abuso del loro gergo) di cannabis, nelle sue svariatissime qualità e tipologie; nella dorata California invece, ci si parano innanzi eserciti di disperati immigrati messicani (clandestini, manco a dirlo…) a volte pendolari, attratti dalle opportunità di “lavoro” offerto dai “fragolifici” (sterminate estensioni terriere monocolturali, che sostituiscono i vecchi cotonifici e pescheti tristemente immortalati da John Steinbeck nell’evergreen suo Furore).

Gli Stati del Vecchio Sud, ma anche la California medesima e Cleveland (Ohio), frastagliano alfine la storia della nascita e dell’ascesa del mercato del porno.

La triade di mercati, che connotano altrettante costellazioni socioeconomiche, è sviscerata dall’autore in tre macro-capitoli, a loro volta scanditi da tre foto-simbolo:

• un manifesto di quella che in Italia definiremmo in stile Pubblicità Progresso, demonizzante letteralmente l’uso di “quell’erba lì”;

• la fotografia di un nuovo ghost of Tom Joad(1) prestante l’opera sua nei famigerati fragolifici, spesso tenuti a mezzadria – eufemismo che nasconde una condizione d’indebitamento permanente dei “mezzadri” con i propri “concessionari” di terreni e materiale – da ex braccianti;

• Reuben Sturman. Questo guascone, travestito da Groucho Marx tutte le volte che appariva in udienza, è stato creatore e dominatore del mercato pornografico dentro e fuori gli USA fino a quando la sua rocambolesca vicenda di mega-evasore – emulatissimo poi dai vari manager autori dei più feroci crack della storia economica recente: Enron e Parmalat su tutte – da una parte, e vittima del moralismo dei governi ultraconservatori succedutisi negli States da Reagan in poi (Clinton compreso) e dei loro procuratori distrettuali, non ebbe fine nei primi anni novanta del Novecento, dopo circa un quarantennio fra crociate e guardie-e-ladri.


La schizofrenia (diffusi comportamenti criminogenetici, sostanzialmente impuniti, ad opera di colletti bianchi e “figli di papà”, e retrive crociate moralistiche tese a ultra-punire, guarda caso, i cittadini meno garantiti, ossia meno ricchi) made in USA che si è venuta propagando nel resto dell’occidente – o vogliamo chiamarlo G8? – è riassunta tutta in questa postilla dello Schlosser: «La filosofia del governo leggero propugnata da Coolidge , da Reagan, da Clinton e da entrambi i Bush si applica solo alla regolamentazione degli affari. La guerra alla droga e la guerra al terrorismo mettono il cittadino americano di fronte a un governo che esercita un potere straordinario sulla vita quotidiana»(pag. 245).

Basti all’uopo pensare che un cittadino statunitense, vieppiù se risiede in certuni Stati, può letteralmente finire all’ergastolo (ed oltreoceano il fine pena mai è molto più veridico che non in sistemi penitenziari improntati al più rigoroso garantismo e rieducazione dei detenuti, come quello italiano… con tutti i problemi che costì conseguono, poiché alla lettera normativa non corrispondono strutture e personale consentanei) per il possesso di una sola canna!!!

Un governo leggero invece è quello improntato al laissez faire nella definizione ed elaborazione delle linee di politica economica. Dal che deriva, matematicamente e come minimo, l’immediato contraccolpo sull’applicazione dell’apparato normativo concernente i diritti dei lavoratori.

Come massimo? La nuova schiavitù, conseguente allo scivolare nel sommerso di interi settori merceologici, col risultato di equiparazione sostanziale di sistemi economici progrediti alle economie sottosviluppate.



(1) Titolo di una struggente ballata di Bruce Springsteen, rievocativa delle atmosfere dipinte da John Steinbeck in Furore. Tom Joad è il protagonista principale della saga steinbechiana.







Elisabetta Blasi

Eric Shlosser, corrispondente per Atlantic Monthly, è un pluripremiato giornalista e documentarista statunitense.


Elisabetta Blasi è nata a Grottaglie (Taranto) nel 1968.

Laureata cum laude in Scienze Politiche (indirizzo storico-politico) con una tesi sul femminismo americano negli anni Settanta del Novecento, ha curato vari studi sull’applicazione della pari opportunità fra uomini e donne nel campo del disagio sociale (in Francia), nell’istruzione scolastica, universitaria e nella formazione professionale (in Italia).

Ha collaborato colla rivista web www.lankelot.com come critica letteraria ed opinionista.

Attualmente collabora con le riviste web www.kultunderground.org, www.kultvirtualpress.com, www.transfinito.eu , www.lucidamente.com e con vari periodici locali, dove cura la pagina culturale.

Riveste l’incarico di Responsabile Cultura nel circolo del Partito Democratico della sua città.


Gli altri articoli della rubrica Società :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |

19.05.2017