Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Il dolore passa, ma la bellezza rimane"

Antonella Iurilli Duhamel
(23.02.2009)

"Il dolore passa, ma la bellezza rimane"

Pierre Auguste Renoir


Era in cammino dai tempi dei tempi portandosi in grembo la sua creatura spenta.

Senza una meta inerpicandosi tra aspre montagne, solcando mari profondi, vagando per deserti insidiosi.

Molte donne in silenzio si erano unite al quel lancinante dolore, che tuttavia non aveva ancora toccato il suo fondo.

Un altro bimbo era morto straziato per mano di uomo.

Un altro fiore era stato reciso con incuranza brutale.

Tutte le donne decisero che era meglio morire.

Ognuna di loro abbandonò casa, cessò di lavorare la terra, di essere madre, figlia, compagna, sorella.

JPEG - 283.9 Kb
Antonella Iurilli Duhamel, "Ofelia", 2008, gouache, cm 30x50

Ogni donna si risolse di porre fine ad una catena di vite, da troppo tempo prive di amore.

Mai più si sarebbe aggiunto dolore a dolore, mai più sarebbero nati bambini straziati, feroci assassini e donne impotenti.

Da quel giorno smisero di bere, mangiare e parlare.

C’è un limite all’orrore, che gli occhi possono contenere, questo limite era stato colmato da tempo!

Per sopravvivere avrebbero dovuto continuare a negare che il dolore di una donna è un dolore per tutti, che un bimbo maltrattato e straziato,non è un fatto privato ma è una vergogna comune.

Che non è sufficiente erigere muri e continuare ad andare avanti fingendo di non sapere, perché la vita anche se appartiene a tutti non è proprietà di alcuno.

Ammutolite dall’insopportabile dolore e dalla rabbia impotente; assetate di vendetta e giustizia si insinuarono in ogni dove.

Nessuna rinunciò a far parte di questo infelice corteo.

E quando anche l’ultima donna si unì a loro,

un grande arcobaleno abbracciò il mondo intero.

Lacrime amare trovarono strada, scendendo copiose riempirono i solchi dei volti avvizziti.

Quando anche l’ultima lacrima fu versata e il fondo del dolore uscì dalle tenebre,

la speranza in un giorno migliore timidamente fece ritorno.


Antonella Iurilli Duhamel


Gli altri articoli della rubrica Comunicazione :












| 1 | 2 | 3 |

19.05.2017