Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Attilio Granata. Il nudo senza più erotismo

Giancarlo Calciolari
(24.09.2008)

Attilio Granata è già stato oggetto di retrospettive e di riletture. Una fondazione porta oggi il suo nome, e la sede della Fondazione Attilio Granata - Franco Braghieri, a Imbersago (Lc), è museo dell’artista e luogo di altri eventi d’arte e di cultura.

La mostra di Attilio Granata alla galleria “La Parada” di Brescia è l’occasione per annotare quanto il valore artistico di un’opera sia lontano dai criteri mondani, che circolarmente diventano dominanti. Attilio Granata - insegna il suo lettore e critico Domenico Montalto – era refrattario alle mode e alle manifestazioni effimere dell’arte. In effetti l’arte che si attiene a un canone (altra cosa è la tradizione) non può che produrre pseudo arte, che terminato l’attimo presente della sua esistenza, svanisce senza lasciare traccia. Invece l’arte originaria resta, pur nell’effimero della nostra vita nelle galassie. Altri se ne accorge. E l’opera, in questo caso quella di Attilio Granata, prosegue a vivere.

Alla galleria “La Parada” sono esposte sino al 26 settembre 2008 una serie di disegni del maestro Attilio Granata che offrono il tratto sicuro della sua via nell’arte. Sono disegni di nudo femminile degli anni cinquanta. Nudo “cattolico”, senza erotismo. Il nudo come altra maschera della vita. Un nudo senza più strip-tease. Il nudo come cifra di un’esistenza.
La serie dei disegni di Attilio Granata è una serie di casi di vita. L’immagine offre qualcosa del “tipo”, senza ansia per l’archetipo e senza mai scadere nell’ipotesi del tipo qualunque. Anche i volti appena tracciati, che non permetterebbero neanche a chi conosceva i modelli di riconoscerli, sono un’esca dell’identificazione per ciascuno e non dell’identità o della distinzione sociale.

Apparentemente, per il senso comune, Attilio Granata si muoveva tra la professione di musicista e la pratica d’artista pittorico, nel senso di trovarsi tra la ripetizione e la differenza. Che la musica venga “eseguita” non convalida che esista la ripetizione dell’identico. La ripetizione è un aspetto della vita e non del discorso della morte. Si ripete quello che non è mai stato. La musica e la pittura non hanno nulla di ontologico. Certo, scrivere la musica è un’altra cosa ancora. Come dipingere, disegnare...
L’arte di Attilio Granata è il suo modo di scrivere la vita originaria, senza interesse per le vite parallele; e per questo l’arte non è ricerca dell’origine né petizione d’infinito. Di ciascun evento conta la qualità, il caso, la cifra, la verità. E questo si coglie nella semplicità di ogni ritratto e di ogni paesaggio, di ogni scena di vita. Questa semplicità è anche l’indice sobrio e casto dell’approdo.






Associazione Culturale “La Parada”

Via Milano, 64

Brescia

Orari d’apertura dalle 19 alle 21 dal lunedì al venerdì o su appuntamento.

Ar Director Gi Morandini, cell. 335 5633509

www.laparada.it

Giancarlo Calciolari, direttore di “Transfinito.eu”


Gli altri articoli della rubrica Pittura :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

14.02.2017