Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

"Psicofantaossessioni" di Faraòn Meteosès

Enrico Pietrangeli
(8.07.2008)

Nell’ormai vasto catalogo della LietoColle, nonostante l’inevitabile incorrere in qualche cronicizzata velleità artistica, sussistono ancora validi spunti. E’ il caso di Faraòn Meteosès, che non è una delle tante redivive mummie del sottobosco della valle dei templi bensì novello giullare nell’anagramma di Stefano Amorese. Saltimbanco e cantore dei tempi a noi più prossimi e schizoidi, quelli di un post sperimentalismo privo di canoni e riferimenti. Radici e dotte asserzioni non mancano e mai languiscono, scaturiscono, tutt’al più, nelle caotiche simmetrie semantiche: un magma fluido, decomposto e mai putrido, dove la poesia interpreta la disperata ilarità del guitto e la forma non viene mai meno, anzi funge da contenitore per disinibite pulsioni. Un poeta che andrebbe ascoltato (oltre che letto) per cogliere quell’ “armonia espressiva” che domina “disegni e strategie”, come rilevato da Walter Mauro. Forte è il messaggio pubblicitario evocato e profanato nella sublimazione surrealista, penetrante cadenza il suo ritmo percorrendo l’asfittico, adrenalinico e agnostico vivere contemporaneo.

JPEG - 206 Kb
Opera di Gi Morandini

Teatralizzante il suo istrionico incedere in salse variopinte, persino iperrealiste, traboccante del carico e delle caricature dell’odierna farsa cui si è sottoposti esistendo. Analogie ed allitterazioni, provocatori retaggi di avanguardie, persino il turpiloquio tra i possibili ingredienti di questo “frappè linguistico più analogico che logico”, come giocosamente lo chiosa Claudio Comandini. Un uso della lingua a tutto campo, infarcito di citazioni latine ma anche di francese, di spagnolo e di gergo autoctono. Saltellando e sillabando non si rinuncia neppure ai cartoon tra qualche Mumble-mumble e le invettive di Bambini & sciacalli. Visionario allucinato, prossimo alle tematiche dell’assurdo e ben cementato nel Novecento. Lunga è la sfilza dei personaggi citati, un gossip senza precedenti e distinzioni, da Shiva ai fratelli Marx passando per Giulio Andreotti che, senza esitazioni, davvero lo apprezzerebbe. Contiene persino un versetto satanico, quello “in cui Maometto finisce di digerire l’arista di maiale” e, a seguire, in meno di tre righe c’è spazio per Buscetta, il Canaro, Rauti, Cossutta, Stalin e Hitler. Più nitido, divenendo a tratti persino lineare ed uniforme, emerge il rammarico struggente per quegli anni autenticamente impegnati e perduti in KM1999. Scontato il confronto col Palazzeschi più “giocoso e divertito” per Comandini che, nella sua “pirotecnica invettiva”, intravede come meno approssimativo un accostamento a Zanzotto e la sua “sfrenatezza plurilinguistica”. Preciserei ascendenze nel dadaismo più sincretico e performativo ma poi, vedendolo operare dal vivo, il poeta inevitabilmente si personifica nel personaggio, piuttosto che indagarlo e dissacrarlo.

Resta la provocazione, onnipresente, tra trombette, tamburelli e campanellini, ma a prevalere, in questo caso, è lo stereotipo del menestrello. “Strisci a ridosso del fosso/come cobra zebrato con gli occhiali da sole” è l’incipit di Serpentario dove “la catarsi del muco” ci conduce alla “Fattoria globale”, “eroina filosofica” prodotta dai “maiali di Orwell”: “un’altra guerra di TROIA”, la “lotta fra i Titani e gli dèi del mio Tartaro”, il “cancro del Tropico”. Incipit è anche titolo nonché testo d’apertura della plaquette, implosivo nelle sue “erezioni sottocute”, “svilito virilmente” in un “congiuntivo che è congiuntivite”. Bluff (forse non è un caso) è apparso anche in televisione oltre ad essere già presente su diverse antologiche, come nel caso di gran parte del materiale qui riprodotto. Psicofantaossessioni denota inventiva e ricerca in un lungo e opportuno percorso d’incubazione. E’ un libro che racchiude lavoro, sintesi di una feconda evoluzione forgiata tra grovigli di eredità eterogenee, per questo “senza calchi di modelli immediati”, come ribadisce Comandini constatando una buona ragione per consigliarne la lettura.







Nota di Enrico Pietrangeli - 2007


Gli altri articoli della rubrica Editoria :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 |

30.07.2017