Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Corpo/natura e comuni strategie di potere

Antonella Iurilli Duhamel
(24.06.2008)

Il dominio o l’integrazione della natura sono una allegoria riferibile ad ogni sorta di meccanismo di controllo e sopraffazione. L’ecofemminismo ha rilevato che la natura corrisponde al femminile denigrato e ad ogni forma di realtà ghettizzata e sopraffatta mettendo in luce quattro forme di dominio comprendenti: razza, classe, genere e natura.

Spesso si considera una qualsivoglia critica al sistema dominante come una specie d’idiosincrasia da parte della ragione a favore dell’irrazionalità, ma la critica di un sistema basato sul dominio e l’esclusione, non implica l’abbandono di ogni forma razionalità, individualismo e scientificità; piuttosto, propone una loro possibile ridefinizione che tenga conto dai danni causati all’ambiente e all’umanità dall’uso esasperato di categorie ed opposizioni.

La natura nel suo processo di asservimento e svalutazione è stata vista come: passiva, un non soggetto, una comparsa silenziosa piuttosto che una protagonista di valore, un invisibile sfondo utile ai veri protagonisti costituiti dalla ragione o dalla cultura delle classi dominanti occidentali maschiliste e di pelle possibilmente chiara.

JPEG - 180.7 Kb
Opera di Antonella Iurilli Duhamel

Le classi assoggettate, e tra queste includiamo: natura, razza e classe sono una sorta di “terra nullius”, una risorsa priva di scopi propri, di prerogative e significati e pertanto la loro annessione o se vogliamo il loro fagocitamento da parte di ragione, intelletto, classi e razze dominanti costituisce una realtà più che giustificabile.

Chi subisce questa sottomissione, si trova a dover sperimentare qualcosa di nettamente separato, alienato e sminuito, una sorta di regno sottostante il cui dominio da parte di chi o ciò che sta sopra è qualcosa di assolutamente inevitabile oltre che naturale.

Muovendoci dalla natura in se e dalla natura delle cose, un tale trattamento costituisce una sorta di standard nelle culture occidentali dove persino la logica del dualismo è utilizzata in funzione di uno schema concettuale che struttura diverse categorie di potere ed oppressione. Secondo tale prospettiva anche il corpo umano con i suoi contenuti emotivi viene posto al di fuori del valore attribuito al razionale, e relegato ad una condizione di progressiva svalutazione, e come non valore è anche inferiore alla tecnologia subendo la stessa sorte toccata alla natura.

Inizialmente la tecnologia si è focalizzata sulla natura, oggi si rivolge al corpo umano sviluppando una vera e propria tecnologia del corpo, con una differenza sostanziale; mentre la tecnologia applicata alla natura è servita a salvare energia umana e pertanto il suo costo è stato assorbito dal sistema industriale, la tecnologia applicata al corpo umano invece, non parte dall’interesse da parte del sistema che se ne assume i costi ma è l’individuo stesso a farsene personalmente carico per sostenere per tale trasformazione.

Il processo di tecnologizzazione del corpo viene generalmente descritto come un processo lineare al di fuori di dinamiche e conflitti di potere, di fatto però, è un processo politico difficile da rivelare dal momento che coinvolge quei luoghi strategici di rappresentazione sociale che disonestamente fanno passare per naturale ciò che in realtà non lo è mai stato.

Per nostra sfortuna, il corpo naturale è costantemente preso di mira e condannato a sparire.




2 giugno 2008


Gli altri articoli della rubrica Teoria :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 12 |

6.10.2016