Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Athanor 11- Umano troppo disumano

Carlo Marchetti
(10.06.2008)

Athanor 11- Umano troppo disumano

Fabio De Leonardis, Augusto Ponzio (a cura di)



Uno strano umanesimo si profila nella filosofia del contemporaneo,

caratterizzato dall’affermazione sempre più decisa dell’identità e

dell’appartenenza e dal rifiuto di ogni genere di alterità e di pratica

improduttiva. Importanti saggi si confrontano su questo tema sviscerando

contraddizioni e disumane conseguenze dell’umanesimo capitalistico.



Investimenti in capitale umano, ingerenze umanitarie, interventi militari umanitari, guerre umanitarie: umano troppo disumano. Nell’odierna fase della comunicazione-produzione globale il “carattere distruttivo” (Walter Benjamin) della forma capitalistica ha assunto una portata planetaria. A esso sono inseparabilmente collegati l’affermazione dell’identità e dell’appartenenza, la difesa e l¹esportazione dei valori del “nostro stile di vita”, l’”ascesa della soggettività”, l’incremento parossistico delle sue pretese, della sua fiducia, della sua arroganza, la boria della ragione, l’esaltazione della tecnica, del lavoro-merce, della produttività, l’accanimento della riduzione del sociale a una comunità di lavoro, proprio mentre si prospetta inesorabile la situazione di una “società di lavoratori senza lavoro” (Hannah Arendt). La filosofia della contemporaneità, del nostro tempo, la filosofia dell’attuale, che avalla il rassegnato adeguamento e la sottomissione dell’“animale razionale” e “politico” alla “dura legge del reale” fino al consenso all’“extrema ratio” della guerra, fa parte della stessa ideo-logica distruttiva. Non perché, opponendosi all’umanesimo pacifista della coscienza in pace, dell’”anima bella”, implichi la difesa dell’“inumano”, ma perché conserva, come l’umanesimo perbenista e tollerante, il disconoscimento dell’alterità, propria e altrui, dell’alterità del tempo, che continua a essere il tempo lineare del “soggetto solo” (Emmanuel Lévinas), della sincronia, della Storia, della presenza, della coscienza totalizzante.
All’umanesimo dell’identità deve essere contrapposto un umanesimo dell’alterità, che sia disponibile all’ascolto, che dia tempo all’altro, che si adoperi per rendere umano il tempo liberato dalla fine del lavoro-merce riconoscendo nel “tempo disponibile” per l’alterità propria e altrui “la vera ricchezza sociale” (Karl Marx).

JPEG - 307.8 Kb
Opera di Hiko Yoshitaka

Testi di: Abene, Arendt, Augieri, Bachtin, Catone, Chomsky, De Leonardis, De Luca, De Marinis Gallo, Duvakin, Einstein, Fanon, Gorz, Levi, Lévinas, Marcuse, Merrell, Muzzioli, Paulicelli, Perrone, Petrilli, Ponzio A., Ponzio L., Rossi-Landi, Russell, Schaff, Sebeok, Solimini, Szasz, Tommasi, Ward.

 



Fabio De Leonardis, dottore di ricerca in Teoria del Linguaggio e Scienze dei Segni presso il Dipartimento di Pratiche Linguistiche e Analisi di Testi dell’Università di Bari, si occupa di letteratura con particolare riferimento al romanzo africano e di analisi del discorso politico. Nel 2007 ha pubblicato una monografia sulla questione palestinese, Palestina 1881-2006: una contesa lunga un secolo.

Augusto Ponzio, professore ordinario, insegna nell’Università di Bari Filosofia del linguaggio e Linguistica generale. Tra le sue più recenti pubblicazioni: Tra semiotica e letteratura. Introduzione a Michail Bachtin (2003), The Dialogic Nature of the Sign (2006), La cifrematica dell’ascolto (2006), Fuori luogo. L’esorbitante nella riproduzione dell’identico. Saggio sull’unico e la sua alterità (2007).


Gli altri articoli della rubrica Filosofia :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |

30.07.2017