Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Gabriella Sedoni

Paolo Pianigiani
(15.03.2008)

Pittura nello spazio, prima di tutto: e quindi strutture e coordinate, longitudini e latitudini a cercare gli appigli dove il colore si distende e la superficie prende forma. I piani sono obliqui, s’incrociano ad arricchire le possibilità del vedere. Perché di visione si tratta, è una ricerca di paesaggi lontani, diversi, ritrovati e ricreati nella memoria. Ed è allora un accumularsi di incontri, dove gli spazi si cercano, come mondi lontani, le linee si fermato a stabilire i confini. E danno struttura e ordine, che può essere solo un limite visivo. Dietro di loro i colori continuano a formarsi, continui e metamorfici mentre, verso di noi, tutto appare come una finestra sull’infinito, e la pittura si spande fino a cercare emozioni profonde, lontane, di realtà astratte che solo il sogno rende possibili.
Sì, ma le origini dove? Era una figurazione anch’essa di spazio, dove l’oggetto era pretesto per l’intreccio delle linee, sempre presenti e cercate come limite e bordo, lasciando ai fondi la libertà di cambiare. Come la serie ripetuta delle „sedie“, esaltate nel particolare dei panneggi, che avvolgono e chiudono nel loro mistero, la continua visione delle cose.

Manca, già dall’origine, ogni paesaggio. Manca la vastità delle pianure o il denso verde dei boschi. Ci sono oggetti nello spazio. E donne, sì, coi loro volti, a raccontarci il loro esistere. Ma questo ormai è passato. Nell’esplosione astratta, quella recente e attuale, si ha un dilagare delle forme, un disperdersi dei contenuti fino agli estremi limiti del caos. Ma rimane, appiglio costante, il riferimento alla struttura spaziale, presente con linee e coordinate: il resto, la trama narrante, esplode nell’infinito. Gabriella ora è libera, come il pensiero, nella dimensione più diversa e lontana, dove ogni forma è cercata e rinasce come sogno, come significato diverso e indefinibile.



Circolo Arti Figurative - Marzo 2008


Piazza Farinata degli Uberti, 50053 – Empoli





Paolo Pianigiani, Marzo 2008


Gli altri articoli della rubrica Pittura :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |

30.07.2017