Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Vito Cosimo Basile. Tre poesie

Matteo Bonsante
(15.05.2007)

VITO COSIMO BASILE

Tre poesie tratte da " La mezzora e l’aggiunta",

Bari 1942.

(Con versione in lingua italiana
di Matteo Bonsante)



QUANNE DÒECE



Avàe scièut’i vvenèute, rezzeganne,

mèu da qué, mèu da llé, da tutte vanne,

ca nan avàe ce ffé

ni a ccé penzé;



quanne, a lu megghhie, nan tande da rasse

vedú nu vàuve aranne

tutt’affannanne.



U ‘arrevàu de botte, ng’aggeràu

do vòte atturne i doppe s’appesciàu

sàup’a nnu cùrne... mbonde,

giust’a la ponde!...



Tutt’i ’ate zambène ca passàrene,

pi ddàrenge ’a chegghiàune, ’a saletàrene:

jelle... nan i guardàu...

manghi cheràu!...



A la fòene èune: - “Hèi, ce tt’happegghiète?!” -

ng’addemmannàu - “ced’àe? ja appapagnète?!”

“ce nan te sînde bbàune

“vé all’ammasàune ! »



« Ce si cechète, mìttet’i acchièghe !

« U vòe ca stèd’arème?!... manghe mèghe
,
“signò sìneche... sòe,

“proprie acchessòe!” -



Tèu ‘u è capòete u fatte, sène sène?!...

I nan u sé ch’apprisse a sta zambène

ogni ómmne ca pigghie

fèc’a parigghie?!...



U vàuve stèd’aràive i nan sendù,

i ssèughe sèughe u fonde s’u fernú:

ca ce pèure a zambène devandàeve

proprie na vacche, già ch’a sselle sciàve,

quand’i ppigghie id argive!...



Da non credere!



Era stata tutto un ronzante viavai

di qua, di là, di sopra, di sotto,

da ogni parte, per ogni dove

come se avesse un gran daffare,

come se fosse una spensierata.



Ma ecco che ad un tratto, non molto

lontano,

scorge un bue... lento, a passo a passo,

intento ad arare, in grande affanno.



Di colpo lo raggiunge, gli gira

ronzando due volte intorno e

infine

s’appoggia su uno dei corni,

proprio in punta.



Le altre zanzare che passano di là

vedendola, per prenderla in giro,

la salutano.

Ma lei non le guarda, lei non se ne cura.



Alla fine una di quelle: - ehi, che t’è preso?

Cos’è? ti sei appisolata?

Se non ti senti bene, ritornatene a casa.



Sei forse cieca? Mettiti gli occhiali.

Non vedi che stiamo arando?

Ci mancavi proprio tu! Sì...Signor Sindaco,

proprio così... stiamo arando!



E tu, lettore, hai capito il fatto fino in fondo?

E non sai che qualsiasi uomo tu prenda

a questa zanzara è somigliante?



Il bue intento ad arare non sentì,

e tutto solo la sua opera compì.

Ché solo se la zanzara fosse

diventata una vacca

dal momento che già montato era,

solo allora avrebbe smesso d’arare.


JPEG - 292.5 Kb
Opera di Christiane Apprieux

"ÀEVE NA VOTE ID ÀEVE"

A nanne cond’a storie.

Quatte meccheselluzze, tande d’ucchie,

a treméndene mmocche, senza fiète...

U ffuche rèusce, fròesce,

sckattesciàesce, i ogni ttande

àghez ‘a vambe i ffèce devendé

rosse a facce de tutte...

I a vecchie, totta spirete, chendìnue,

dé u tune a la vauce

i ffèce tutt’i mosse ca nge vòghene.

I li nepèute séndene...

séndene i vvédene:

pagazze d’aure, d’arginde i brellande;

serpinde a ssette càpere;

figghie de rré ca pi la spède accìdene

nu sacche de nannurche;

a mascïère ca fèce i masciù

ippàu chiange u pecchète;

cavalle pi li scille;

a pagomme ca fèce tanda bbàene!...

***

Ma,a picche a picche, jèune dopp’u âte,

ecche ca tutt’i quatte i guagneengìlle

hane pegghiète sùnne.

I ddòrmene facènne a vocch’a rròese:

ca jèune se sté ssonne a paghemmelle,

n’ate u figghie d’u rré,

i nn’àte a fète pi la stella mbronde !...

I ll’àte? Ci u appèure!...

Vïèt’ad ille nan se rescetasse

mé cchièu... ch’è bell’assé,

d’a facce, u sunne ca se vé sennanne !...

***

Àve na vôte id àeve... nu meninne

ca, sînd’ i ssînde stòrie, fernù

ca, pèure vecchie, nan penzàeve ad âte!...

Càume ce nan s’avèsse rescetète

mé cchièu da culle sùnne,

càume c’a nanne stèsse ancàure a ddîce!...


C’era una volta e c’era...

La nonna racconta la fiaba...

Quattro mocciosetti con gli occhi spalancati

l’ascoltano assorti, trattenendo il respiro.

Il focolare borbotta, sfrigola, scoppietta e

di tanto in tanto,

un’improvvisa fiammata

fa diventar rossa la faccia di tutti.

E la nonna, tutta vispa, continua,

adegua la voce, mima, rappresenta.

E i nipotini ascoltano...

ascoltano e vedono:

palazzi d’oro, d’argento e brillanti,

serpenti con sette teste,

figli di re che con la spada uccidono

un sacco di orchi,

la fattucchiera che lancia il malocchio

e poi sconta il peccato,

cavalli alati,

la colomba volta sempre al bene...

***

Ma, a poco a poco, uno dopo l’altro,

ecco che tutti e quattro i ragazzini

si addormentano.

E dormono... e sembra che sorridano:

perché uno sta sognando la colombella,

l’altro il figlio del re,

e l’altro la fata con la stella in fronte.



E l’altro? Chi lo sa!

Beato lui se non si risvegliasse mai più

che è bello assai, dall’espressione,

il sogno che sta sognando.

***

C’era una volta e c’era

un ragazzino che, a furia d’ascoltare

fiabe, finì che anche da vecchio,

non pensava ad altro.

Come se non si fosse mai più

svegliato da quel sogno,

come se la nonna stesse ancora a

raccontare...



Sàupe all’àere na notte d’aguste



Da do éssene stanotte,

ma da do àe ca éssene,

tanda stèlle ca càdene da ngîghe?

Ogni ttande... ècche na striscia ghecènde,

na stelle ca s’appicce;

se ne scenne fesciènne,

i cchièu ffèusce i cchièu appicce,

càum ’a nn ’ammicce,

pi ttande dràete na strasciòene

ca subbete pàu se sfaròene

i sse streusce:

i acquanne acchemminze ch’abbinge

a ffùsceng ’apprisse pill’ucchie,

giá s’ha stette,

ca ggià nan àe cchiù nnulle!



Quatte frascille pacce

ch’a la prefòene è viste i nnan’è viste!...

***

Da do éssene stanotte citte citte

tutte sti stelle pacce,

ca sò bbelle

i nnan sò nulle?

***

Pi ppicche ca nge pînze

sta vòeta noste a llàure s’assemègghie:

ch’acquanne n ‘avvertòeme

d’acchemmenzé a ccambé,

tanne stesse hâme fernèute,

citte citte i ppì ssembe! ...


Sull’aia una notte d’agosto



Da dove sbucano questa notte?

Ma da dov’è che sbucano

tutte queste stelle che cadono dal cielo!

Di tanto in tanto, ecco una scia lucente:

una stella che s’incendia, guizza giù

a capofitto

e più corre e più s’infiamma

come una miccia,

con tanto di scia brillante

che subito si sfarina e si consuma

. E, quando credi di starle dietro

con gli occhi,

già si è spenta,

che già non è più nulla.



Quattro scintille pazze

che in fin dei conti

hai visto e non hai visto
.
***

Da dove sbucano questa notte

zitte zitte

tutte queste stelle pazze

che son belle

e non son nulla?

***

A ben pensarci, specchio

della nostra vita sono.

Perché, quando ci accorgiamo

di cominciare a vivere,

proprio allora ce ne andiamo

... zitti zitti e... per sempre.






Nota biografica

Vito Cosimo Basile (1887 - 1958) è nato a Polignano a mare. Di famiglia benestante, si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Napoli e inizia la carriera militare in Marina. Nel 1921 pubblica una raccolta di versi in dialetto polignanse, “A mezz’àure”. Nel 1928 partecipa come medico e naturalista alla spedizione del Duca degli Abruzzi per esplorare il bacino dell’Uebi Scebeli in Abissinia, presta servizio sanitario alle popolazioni africane e raccoglie rari esemplari di fanerogame e crittogame. Su tale spedizione nel 1934 pubblica un diario. Nel 1946 interrompe volontariamente il servizio nella Marina Militare e tornato a Polignano presta attività medica soprattutto a favore dei poveri. Scrive vari componimenti in dialetto e una favola teatrale Chemma Fremmechelle [Comare Formichella]. Raccoglie proverbi e detti popolari e compie inedite ricerche di carattere storico. Muore d’improvviso nel 1958.


Gli altri articoli della rubrica Poesia :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 16 |

30.07.2017