Transfinito edizioni

Giancarlo Calciolari
Il romanzo del cuoco

pp. 740
formato 15,24x22,86

euro 35,00
acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La favola del gerundio. Non la revoca di Agamben

pp. 244
formato 10,7x17,4

euro 24,00
acquista

libro


Christian Pagano
Dictionnaire linguistique médiéval

pp. 450
formato 15,24x22,86

euro 22,00
acquista

libro


Fulvio Caccia
Rain bird

pp. 232
formato 15,59x23,39

euro 15,00
acquista

libro


Jasper Wilson
Burger King

pp. 96
formato 14,2x20,5

euro 10,00
acquista

libro


Christiane Apprieux
L’onda e la tessitura

pp. 58

ill. colori 57

formato

cm 33x33

acquista

libro


Giancarlo Calciolari
La mela in pasticceria. 250 ricette

pp. 380
formato 15x23

euro 14,00
euro 6,34

(e-book)

acquista

libro

e-book


Riccardo Frattini
In morte del Tribunale di Legnago

pp. 96
formato cartaceo 15,2x22,8

euro 9,00
e-book

euro 6,00

acquista

libro

e-book


Giancarlo Calciolari
Imago. Non ti farai idoli

pp. 86
formato 10,8x17,5

euro 7,20
carrello


Giancarlo Calciolari
Pornokratès. Sulla questione del genere

pp. 98
formato 10,8x17,5

euro 7,60
carrello


Giancarlo Calciolari
Pierre Legendre. Ipotesi sul potere

pp. 230
formato 15,24x22,86

euro 12,00
carrello


TRANSFINITO International Webzine

Ianus Pravo, "Il volto macchina"

Monica Cito
(15.05.2007)

IL VOLTO MACCHINA, di IANUS PRAVO

Azimut Editore, Roma, 2006





Ianus Pravo ci consegna un’opera che descrive-ritrascrive la propria vita; ma non è vitavita, e non è autobiografia.

Autore/Autrice (chi può saperlo?) di sicura esperienza pratica del mondo editoriale (si presumono letture e valutazioni; traduzioni senza dubbio), ci basisce stupisce sfinisce.
Non è vita d’autore, autobiografia reale, perché, se lo fosse, sarebbe già in qualche galera chi – come Ianus dichiara – dichiarasse d’essere non l’assassino tout court, ma l’omicidio puro semplice vibrante totale dell’umanità.

Il primissimo piano stilistico del lavoro è da cogliersi, asseriamo (pur con tema di smentita), nella scelta assoluta di coagulare “trama” e “nome d’autore” in un’unica scrittura onnicomprensiva. Una base che avrà posto la necessità di una progestione e programmazione di profonda finezza, ed avuto una logica sorretta da capacità scrittorie inusualissime.

JPEG - 283.7 Kb
Opera di Christiane Apprieux

Solo chi è davvero capace di creare una poetica ed ha infinitamente studiato l’umanità può permettersi un’operazione tanto alta e riuscita e salvarsi dalle cadute operative, tipiche del neofita che voglia cimentarsi con una globalità ed un classicismo di cui presume possedere la conoscenza solo per aver leggiucchiato qualche mito. Per disquisire squisitamente di mitologie, teogonie e prassi loro connesse, non basta qualche appresa lezioncina di greco; occorre lo sgiardo del giusto mezzo, il viaggio illustrato ed una capacità mnemonica e di giudizio onnicomprensivi (o tendenti all’onnicomprensione).

La vita è conoscenza assoluta d’un eros e d’una thanatos insopprimibili e rifrangibili sulla carta cum esistenza. È l’esistenza sola e sentita, vissuta e sfibrata, negata, abbandonata, refrattaria e criminogenetica, che permette una scrittura aderente, risarcitoria della vuotezza da rimando, propria di molte-troppe proposizioni editoriali del nostro vacuo oscuro tempo.

Si vuole, col libro, dimostrare la potenza della parola, l’azione cui la stessa reinvia o, ancor più, invita. Il giudizio è sospeso nella mente del lettore, assestato dalla tiratura cesellata dei periodi autoriali: calibrati, precisi, pregni; estremamente infinitamente magniloquentemente “citazionisti”.

Le barriere culturali dei consigli al saper scrivere, tipici d’una scolarità didattica e d’una società occidentale nozionistica, sono abbattute, annientate negl’infinitesimali addobbi di conoscenza ad una non-storia (eppure minimal-trama), nelle descrizioni mondane di corpi visti non più come nelle letterature del ’900. Pregne di individui coabitatori del peccato-tradimento, del modus d’operare del soggetto-personaggio in vista dell’appagamento libero da rivendicazioni morali della società.

L’etica è qui sfumata nel sapere d’un criminale che non è astuto deviatore dell’inquisitore, ma è altĕra lex egli stesso; sviscera l’oscuro di ognuno di noi. Non indottrina e non chiama al messianesimo del sé, non pretende compagnia. Sa che la solitudine, seppure su essa v’è da interrogarsi, è tempo fra tempo, non tempi. Mai ore, mai corse; poliziotti astuti a rincorrerci se violentiamo e uccidiamo, non ve ne sono. C’è la giustizia, anch’essa altra, imparata dal fluire della storia (mai universale, è chiaro!).

Una giustizia risarcitoria non ha più senso; la vera sua essenza è la remunerazione, l’osso goloso al cane-uomo. Per “questo” non v’è l’omicida, creazione “tribunizia”, ma l’omicidio, l’assassinio poetico assoluto; solo argomento capace di richiamare le immagini d’una cultura globale e – perciò – intransigente.

Il corpo è non-oggetto, liquido temporale che permetta d’inglobare tra sbarre di conoscenza ultramillenaria una partita di blocchi culturali che sino ad oggi potevano darsi per inconciliabili. Non c’è più un mondo greco, uno ebraico, uno arabo… C’è un mondo e c’è un tempo, non asservibili ai mondi e ai tempi, ed indi modi, tramandati. La tradizione è strumentalizzata al fine (al pari dei “belli e belle” denudati, violentemente amati, uccisi e riposseduti) di disquisire intorno alla nuova proposta ripartizione del Dio Tempo.

Un Dio unico è sospeso oltre il nostro sguardo, e parla tramite le scritture sacre da sempre.
Il Tempo Indagatore, che si è sempre finto anch’esso unico dio, è degno finalmente di analisi. Bisogna costringerlo a svelarsi attraverso sia quadri di storie ed antropologie di volti e luoghi, sia attraverso proposizioni interstiziali che diano la misura di quell’ “anonimità” assoluta che copre lo stesso tempo, lasciandoci a contemplare la smontabilità sospesa delle nostre morte (stanche) membra, come fossimo plastici museali.



Il Tempo è il personaggio che sospende arte e morte.

È il teatrante dell’atto e del fatto; così:

Il deserto e la città sono il fondo della mia forma […] (pag.6);

interstizio dell’inintelligibilità
(pag. 8);

una tela, una vena; una muraglia…



Monica Cito è nata a Telese Terme (BN) nel 1972. Risiede a Ceglie Messapica (BR).
Avvocato, si è laureata presso l’Università degli Studi di Bari, discutendo una tesi sulla pedofilia.
Membro del direttivo del circolo “Pinuccio Tatarella” di Alleanza Nazionale a Ceglie Messapica, ivi riveste la qualifica di Responsabile Cultura.
Ha pubblicato il romanzo “Venere, io t’amerò” per i tipi della Giulio Perrone editore (Roma, 2005). Sue liriche sono presenti in qualificate antologie.
Due e-books (l’antologia poetica “Dea della caccia” e la sua tesi di laurea “Le condotte pedofile”) sono pubblicati su: www.kultvirtualpress.com e scaricabili gratuitamente dall’apposita sezione.
Ha prefato sillogi poetiche e romanzi.
Collabora come critica letteraria alla rivista “Il Cavallo di Cavalcanti” (Azimut Editore, Roma), nonché su varie riviste on line (www.transfinito.net, www.kultunderground.org e www.kultvirtualpress.com ; www.lucidamente.com ) e cartacee (come il trimestrale “Sud-Est”, dove si occupa di editoria indipendente e cura il premio letterario “Storie a Mezzogiorno”). Non si è sottratta ad interventi di critica letteraria anche su giornali “dell’opposizione”.

Suoi interventi di saggistica giuridica si trovano su www.diritto.it


Gli altri articoli della rubrica Letteratura :












| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | ... | 20 |

3.04.2017